Ex-Breda, l'allarme dei sindacati: "O si cambia, o si chiude"

Meno di un lavoratore su tre impiegato, e molte commesse del gruppo lavorate in Turchia e Bulgaria. Papignani: "La proprietà non si presenta più ai tavoli"