Falso dentista 'pesta' cliente che si rifiuta di pagarlo: denunciato

Non aveva alcuna qualifica e forniva le sue prestazioni illecite a domicilio: preso nella sua abitazione a Bologna risponderà di esercizio abusivo di professione, rapina e lesioni aggravate

Si spacciava per un dentista nonostante non avesse alcuna qualifica, operava a domicilio dei clienti utilizzando arnesi in precarie condizioni igieniche. A mettere nel sacco il finto odontoiatra è stata la segnalazione alla polizia da parte di una paziente, 'pestata' dall'impostore per essersi rifiutata di pagargli la prestazione.

L'uomo - un siriano di 42 anni - operava tra la Toscana, l’Emilia Romagna e il Veneto: intercettato la settimana scorsa nella sua abitazione a Bologna è stato denunciato per i reati di esercizio abusivo di professione, rapina e lesioni aggravate.

Le indagini, coordinate dal Sostituto Procuratore Giuseppina Mione, erano partite lo scorso ottobre a Firenze, quando una cittadina marocchina - in stato interessante - era finita in ospedale dopo aver riportato lesioni a seguito di un’aggressione.
Agli agenti del 113, interessati alla vicenda, la donna aveva riferito di essere stata colpita da un sedicente dentista di origini siriane. L’episodio era scaturito dopo che il “medico” aveva estratto due denti alla vittima, durante distinti incontri avvenuti
a casa di quest’ultima. Sotto anestesia, nonostante il suo stato di gravidanza, la donna aveva informato il “dentista” che non l’avrebbe pagato se prima lui non le avesse sostituito il dente estratto la settimana precedente. Dopo l’avvertimento della signora di richiedere
l’intervento delle forze dell’ordine, l’uomo si era però scatenato, colpendola fino a causarle lesioni. Poi, prima di darsi alla fuga, le aveva anche sottratto denaro e un telefono cellulare.
Del falso dentista la vittima conosceva solo il numero dell’utenza cellulare con il quale lui stesso pubblicizzava la sua attività su biglietti da visita, scritti in arabo, lasciati all’interno di kebab, moschee e altri luoghi frequentati da cittadini di lingua araba.
L’uomo, inoltre, operava a domicilio e nessuno conosceva le sue vere generalità né, tanto meno, l’indirizzo di casa.

Al termine di una serrata attività investigativa, gli agenti sono riusciti a dare un nome e un volto al falso medico che, ufficialmente residente a Roma, in realtà abitava a Bologna dove è stato rintracciato.
Nel corso della perquisizione effettuata nella sua abitazione, la polizia ha sequestrato dieci valige contenenti svariato materiale odontoiatrico (trapani, denti sintetici, martelletti, pinze, fiale di anestetico, ecc.) in pessime condizioni igieniche, nonché il telefono cellulare sottratto alla vittima dopo la violenta aggressione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Meteo, neve in arrivo sull'Appennino emiliano

  • Ripetitori e onde dei cellulari, lo studio del Ramazzini: "Tumori rari nelle cellule nervose"

  • Fuga di gas dalle cantine: 16 famiglie evacuate, traffico bloccato

  • Furto a San Lazzaro: "Sono entrati in pieno giorno e hanno fatto un disastro. Sono sconvolta"

  • In Piazza Maggiore migliaia di Sardine vs Lega | FOTO e VIDEO

  • Guidano un'auto rubata, fanno un incidente e scappano: hanno entrambi solo 14 anni

Torna su
BolognaToday è in caricamento