Festa del Ramadan, presenti Zuppi e Merola: 'Siamo tutti cittadini bolognesi, insieme miglioriamo la città'

Dopo 30 giorni, la rottura del digiuno diventa occasione di condivisione e reciproca conoscenza: una lunghissima tavolata ha ospitato non solo la comunità islamica

Una festa di strada affollatissima e partecipata quella che ieri sera ha celebrato, in via Torleone, l'interruzione del digiuno nel mese sacro del Ramadan con un grande «Iftar» organizzato dalla Comunità Islamica Bolognese, ovvero il pasto serale che interrompe i 30 giorni  di sacrificio, quarto pilastro dell'Isalm. 

La strada si è trasformata in una lunghissima tavolata imbandita con prelibatezze come datteri, dolcetti al miele, riso con pollo, tè alla menta: solo al tramontare del sole, alle 21 in punto dopo la preghiera, si è potuto interrompere il digiuno e la festa è cominciata, coinvolgente e allegra. Chiunque è stato invitato a prendere posto e cenare: i musulmani bolognesi, ma anche tanti "vicini di casa", amici e bolognesi curiosi di incontrare da vicino una cultura diversa. 

Si prega in strada - VIDEO

Il Comune di Bologna aveva presentato l'evento pubblico con l’obiettivo di promuovere il dialogo e la condivisione tra le culture e alla serata ha partecipato anche il Sindaco Virginio Merola, che dal palco allestito per ospitare le istituzioni ha detto: «Siamo tutti cittadini bolognesi e insieme stiamo migliorando questa città, anche la nostra fede prevede la reciproca conoscenza: usiamo insieme la libertà per i nostri figli». Dopo il primo cittadino anche i saluti dell'Arcivescovo Zuppi: «Chiediamo al Signore di benedirci  e farci crescere in amicizia». Presenti anche il consigliere Claudio Mazzanti e Andrea De Maria (PD). 

Un piano contro le discriminazioni razziali

Il Comune di Bologna, nell’ambito del Piano di azione locale contro le discriminazioni razziali (PAL), ha promosso una serie di incontri di conoscenza sul Ramadan con la Comunità islamica bolognese che si sono svolti al Centro interculturale Zonarelli. Gli incontri sono stati realizzati con l’obiettivo di fornire adeguate informazioni agli operatori e alle operatrici impegnati nel sistema dell’accoglienza. Numerose sono infatti le questioni che possono sorgere durante il digiuno per i fedeli che magari lavorano a contatto con i cibi e con gli alcolici.

Il PAL è stato deliberato dalla giunta lo scorso 20 febbraio con l'obiettivo di promuovere il diritto al benessere, alla non discriminazione e alla partecipazione dei cittadini di Paesi terzi. Sono due le azioni trasversali che compongono il Piano: la creazione di una cabina di regia interna, istituita lo scorso 28 marzo, che coinvolge molte aree e settori dell'Amministrazione e la formazione rivolta al personale del Comune. 
Nell’ambito del Piano sono state anche realizzate due ricerche: sui “bisogni e le aspettative delle comunità religiose” e “sulle culture le pratiche e i luoghi della partecipazione dei cittadini stranieri a Bologna”. 

Beneficenza per i detenuti della Dozza

Il Ramadan è stato anche l’occasione per un’azione corale di beneficenza rivolta ai circa 220 detenuti di fede musulmana (sugli 800 detenuti in totale) che si trovano nel carcere della Dozza e hanno manifestato la volontà di rispettare il precetto religioso. Grazie al contributo delle Comunità islamiche di Bologna, Ravenna e Faenza e delle associazioni Islamic Relief e Life sono state organizzate forniture alimentari di pacchetti composti da confezioni di datteri, zucchero, tè verde, cuscus e altro. Questa iniziativa è stata resa possibile sotto la regia dell'associazione di volontariato AVoc, con il coinvolgimento dell'Istituzione per l'inclusione sociale e comunitaria del Comune di Bologna "Achille Ardigò e don Paolo Serra Zanetti", di ASP Città di Bologna e dell'Ufficio del Garante dei diritti delle persone private della libertà personale, e grazie alla collaborazione della Casa Circondariale di Bologna.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (30)

  • Ma la festa dell’unità non si era spostata in fiera

  • Quando comunita' cristiane , nei paesi di origine di questi musulmani, potranno festeggiare natale senza che non ci scappi il morto o la bombetta sulle chiese,allora accettero' questo falso e ipocrita carnevale...... Perche' altrimenti sono loro che si devono adeguare a noi.

  • Sarà X integrarti: Mettiti il velo Consegna le chiavi di casa Cammini un passo indietro a tuo marito È la gente come te la rovina dell Italia

    • Per fortuna non durerà molto caro Merola, ne tu ne loro.

  • Noi tutti dobbiamo essere in favore di queste iniziative, anzi poche ve ne sono.... Dovremmo esser promotori di festini a sfondo religioso.

    • Luigi, ancora una volta hai fatto la pipì fuori dal vaso...

  • Capito Andrea va a der via al cul te e tot qui come te

    • "Come te" = cumpag a tè

      • Secondo me sei un po’ sfasato

        • Ho capito che non hai capito...

  • Ma in Marocco fanno delle feste a gli italiani?????a me non risulta!????????????

    • Si, li scannano e poi subito in graticola....

  • Servono i fatti, non le parole. La divisione tra religione e Stato, la tutela della famiglia, le scelte femminili individuali, l'accettazione della cultura occidentale sono tutte cose estranee all'islam. La cultura musulmana per integrarsi deve per forza evolversi, come ha fatto quella cristiana tra il XV e il XVIII secolo. Come sempre a Bologna regna troppa ipocrisia mascherata da buonismo acritico.

  • Gli ottusi mente catti fan dell’immigrazione non capiscono

  • Conosco i musulmani anche se esistono tante etnie ma pochissimi di loro si integrano al paese ospitante, anche un noto giornalista arabo ci mette continuamente in guardia verso di loro, pensare al solo fatto che il maschio è libero di sposare chi vuole e la femmina no, lei deve obbligatoriamente scegliere un musulmano! Chi è il razzista! Auguri

  • Quando uno ha la testa fatta a forma di pista ciclabile e di integrazione con chi non gnene può fregar di meno, questo è il risultato. Lo inviterei a conviverci nel mio palazzo x una decina di anni e vediamo se rimarrà della stessa idea, dopo minacce e rompimenti di scatole a tutte le ore del giorno e della notte.

Commenti meno recenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Dramma della solitudine a San Lazzaro: 59enne trovato morto

  • Incidenti stradali

    Incidente sul lavoro a San Giorgio di Piano: operaio investito da un furgone

  • Cronaca

    Tornelli alla stazione? C'è lo scoglio Soprintendenza

  • Cronaca

    Morto a 55 anni dopo una rapina in via della Beverara: mistero da sciogliere

I più letti della settimana

  • Incidente mortale: fuggono dai Carabinieri e si schiantano. Morti 2 ragazzi

  • Incidente San Giorgio di Piano: chi sono le vittime

  • Incidente a Budrio. Viva per miracolo, lancia un appello: "Aiutatemi a rintracciare l'auto pirata"

  • Furto a Persiceto: sorprende ladro in casa, uomo accoltellato

  • Troppo tardi per arrivare in ospedale: partorisce in ambulanza a bordo strada

  • Incidente sulla Porrettana, è morto il centauro travolto ieri

Torna su
BolognaToday è in caricamento