Via Lame, rompe il vetro dell'auto e ruba la borsa: la vittima lo insegue e lui si arrende

E' fuggito dopo il furto, ma grazie ad alcuni testimoni non l'ha fatta franca. Dopo aver infranto un vetro e rubato una borsa, inseguito dalla proprietaria ha gettato per terra la refurtiva

Spacca il vetro di un'automobile lasciata per un attimo in sosta e afferra la borsa che vi era all'interno per poi fuggire con la refurtiva: è accaduto alle 9.30 di ieri mattina in via Lame. Alcuni cittadini assistono alla scena e chiamano la donna indicandole la direzione di fuga dell'uomo e lei lo segue. Lui a quel punto abbandona sia la borsa che il martelletto frangivetro che aveva usato per rompere il vetro dell'auto. 

All'arrivo degli agenti l'identificazione dell'uomo, che è poi stato arrestato per furto aggravato: si tratta di un torinese del '56 con precedenti specifici e che solo a gennaio era stato denunciato come responsabile di un furto d'auto e che si sarebbe dovuto trovare agli arresti domiciliari. 

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • Avatar anonimo di andrea
    andrea

    mandatelo via.... siamo stufi di questemerde

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Corteo Giornata del rifugiato: anche la sindaca di Barcellona a fianco dei collettivi

  • Cronaca

    Prostituzione: sottomesse con rituali e tagli sul petto, in manette due sfruttatori

  • Incidenti stradali

    Incidente in via Irnerio: giovane investito da un bus

  • Scuola

    Maturità, i ragazzi dopo la prima prova: "Tracce prevedibili, è andata bene"

I più letti della settimana

  • FOTONOTIZIA. Alberto Angela sulla Torre degli Asinelli

  • Poliziotto suicida in Questura: trovato morto nel suo ufficio

  • Trovato morto l'agente immobiliare scomparso da Sasso Marconi

  • Il nuovo bike sharing "Mobike": come funziona, i mezzi, le tariffe

  • Schianto auto-scooter a Monte San Pietro: morto un 46enne

  • Incidente mortale tra Suv e scooter, Monte San Pietro piange Mirco Ricci

Torna su
BolognaToday è in caricamento