Fusione Fer-Atc, Venturi: "Contro la crisi economie di scala"

Nella Newco partecipazione della Regione, del Comune e della Provincia di Bologna, di Act di Reggio Emilia, della Provincia di Ferrara, del Comune di Ferrara e delle altre Province

Approvata ieri dal Consiglio provinciale e comunale la fusione Atc-Fer, nasce così una nuova spa per il Trasporto pubblico locale (Tpl), e il relativo piano industriale 2012-14. In Provincia la delibera è passata con i voti di Pd e Fds (contrari Pdl, Lega, Fli, Udc e Misto), in Comune con venti voti a favore (sindaco Merola, Pd, Amelia per Bo, Idv), un contrario (il grillino Piazza) e sei non votanti (Pdl, Lega nord, Bo2016).

Entrambe le delibere prevedono anche "alleanze con altri operatori, sia in termini di crescita delle relative aree, sia in termini di sviluppo dell'intermodalità e di integrazione dei bacini automobilistici". Il capitale sociale della newco sarà di 68.492.702 euro con la partecipazione della Regione (46,1%), del Comune di Bologna (30,1%), della Provincia di Bologna (18,8%), di Act di Reggio Emilia (3,1%), della Provincia di Ferrara (1,01%), del Comune di Ferrara (0,65%) e delle altre Province (0,04%).

L'obiettivo  della  scissione-fusione  è  la creazione di un nuovo soggetto industriale di maggiore rilevanza sul mercato del trasporto pubblico locale a livello sia regionale sia nazionale, che consentirà di cogliere ulteriori opportunità  e  capacità  di  sviluppo  nel  mercato  dei  trasporti  e  di sviluppare  potenziali  sinergie  tra le società coinvolte nell'operazione, dando  impulso  allo  sviluppo delle attività di trasporto pubblico locale, anche  tramite  alleanze  con  altri  operatori, sia in termini di crescita delle  relative  aree,  sia  in termini di sviluppo dell'intermodalità e di integrazione dei bacini automobilistici.
"Le  principali  sinergie  economiche  -  si  legge  in delibera - potranno realizzarsi  in  maniera  relativamente agevole, grazie all'eliminazione di duplicazioni  di costi ed alla razionalizzazione di alcune funzioni/fattori produttivi,  come  i risparmi per la diminuzione dei costi del personale di staff   e   amministrativo,   per  la  razionalizzazione  del  servizio  di
distribuzione  dei  titoli  di viaggio, per la ricollocazione dei mezzi Fer presso  i  depositi  di  ATC di Bologna e Ferrara, per l'acquisto comune di carburanti,  per  la  possibilità  futura,  a  medio  termine, di stipulare contratti di manutenzione ad un minor costo".

La prossima tappa prevista nell'iter è il 30 novembre, con la convocazione dei consigli di amministrazione di Atc spa e Fer srl in assemblee straordinarie dei soci. Il vicepresidente della Provincia, Giacomo Venturi, ha precisato che il progetto "conferma ancora una volta la scelta del Servizio ferroviario metropolitano (Sfm) quale struttura portante del sistema di trasporto pubblico bolognese".
“Fare fronte alle riduzioni di risorse pubbliche, – ha proseguito Venturi - realizzare economie di scala evitando, ad esempio, le doppie corse sulle stesse tratte, lavorare per una efficace integrazione e intermodalità, razionalizzare e ridurre la struttura tecnico-aministrativa e potenziare la struttura operativa, sono le motvazioni per cui vogliamo far nascere un soggetto che sia in grado di fare mercato e di stare sul mercato nelle nuove condizioni che si prospettano”.

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Bologna usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scambia la moglie per un ladro e chiama i Carabinieri

  • Ubriaca sul davanzale, cade giù dal terzo piano

  • Esce di strada, l'auto finisce nel canale: c'è un morto

  • Ozzano, maxi rissa davanti a locale: spunta un coltello, 2 feriti

  • Perturbazione meteo, previsione nevicate: Autostrade mette in guardia

  • Neve in arrivo, non solo in Appennino: "Fiocchi anche in collina e possibili sorprese in pianura"

Torna su
BolognaToday è in caricamento