Funerali Pino Rauti, Gianfranco Fini fischiato a Roma: "Traditore"

Cerimonia nei canoni classici della destra: tre volte "presente" e saluti romani in onore de leader storico Pino Rauti. Trattamento opposto per Gianfranco Fini, fischiato e bollato come "traditore". Enzo Raisi, Fli: "Neanche i vecchi comunisti si sarebbero comportati così"

Camerata Pino Rauti, Presente”, così la folla fuori la chiesa ha salutato l'ex segretario dell'Msi, e non sono mancati il "Boia chi molla, il grido di battaglia", canti di destra e saluti romani. Cerimonia funebre nei canoni classici della destra quella di Pino Rauti, morto il 2 novembre a Roma, leader storico della destra italiana: segretario nazionale dell’Msi e del Movimento Idea Sociale, dal 2004 fino alla sua morte, contrario alla svolta di Fiuggi, che nel 1995 trasformò l’Msi in Alleanza Nazionale, confluita poi nel Pdl.

CONTESTAZIONI A GIANFRANCO FINI. La folla non ha gradito la presenza del Presidente della Camera che, sostenuto da Giorgio Almirante, sconfisse Pino Rauti diventando segretario nel 1987 a 35 anni (Fini è nato a Bologna nel 1952). È dunque entrato nella Chiesa di San Marco in “Piazza Venezia” accompagnato da fischi e al grido diBadoglio e traditore”: la cerimonia funebre è stata ritardata di alcuni minuti ma non sospesa; è iniziata dopo che la figlia Isabella Rauti, moglie del sindaco Gianni Alemanno, ha riportato la calma tra i partecipanti.

ENZO RAISI.La contestazione di Fini al funerale di Rauti dimostra quanto quel mondo sia vecchio e rancoroso. Neanche il rispetto per il morto e per il nobile gesto dell'ultimo saluto ad un avversario di sempre". Lo posta il deputato di Fli Enzo Raisi sul suo profilo Facebook: "Neanche i vecchi comunisti si sarebbero comportati così. Un messaggio chiaro a chi ancora parla di ricomposizione. Mai piu!"

GADGET. Alla fine delle esequie dell'ex segretario, davanti la chiesa anche un affollato banchetto di gadget con i simboli della destra: portachiavi, spille e  statuette con fasci littori, l'effigie di Benito Mussolini, croci celtiche e la bandiera della Repubblica di Salò.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: fermato treno a San Ruffillo. Era un falso allarme

  • Coronavirus, sotto osservazione due persone in Emilia: le analisi al Sant'Orsola

  • Coronavirus: in Emilia Romagna chiuse scuole, asili e luoghi di cultura. Stop a eventi e manifestazioni

  • Coronavirus: 19 contagi in Regione, un caso anche a Modena. Migliaia di tamponi effettuati, attivo numero verde

  • Coronavirus : l'Università di Bologna sospende lezioni, esami e lauree

  • Coronavirus in Emilia-Romagna, 7 nuovi casi: "Tutti riconducibili al focolaio lombardo"

Torna su
BolognaToday è in caricamento