Morte Gianlorenzo: conclusi i rilievi tecnici sul carro di Carnevale

Ora tutto passa in mano ai magistrati che si occupano del fascicolo per omicidio colposo

La relazione tecnica sul carro di Carnevale, dal quale è caduto il 5 marzo scorso il piccolo Gianlorenzo Manchisi è stata depositata ieri in Procura, a conclusione dei rilievi tecnici eseguiti dai Carabinieri. 

Il documento contiene osservazioni e misurazioni che i Carabinieri hanno effettuato per arrivare a capire se il carro è stato costruito in maniera rispondente alla normativa. Ora tutto passa in mano ai magistrati che si occupano del fascicolo per omicidio colposo, aperto contro ignoti.

Dopo che in un primo momento l'attenzione si era concentrata in particolare sulle sbarre laterali del carro e sul collaudo, successivamente gli accertamenti hanno interessato anche la copertura (non rigida) delle ruote sotto le quali è finito Gianlorenzo dopo la caduta che lo ha portato alla morte. I rilievi sono stati dunque depositati, ma per il momento il carro resta sotto sequestro. (dire)

Bologna abbraccia Gianlorenzo, il papà: "Mio figlio è vostro figlio, è figlio di tutti" 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Elezioni

    Elezioni, oggi al voto 46 comuni nella provincia di Bologna

  • Cronaca

    Droga, inseguimento in via Indipendenza: pusher bloccato dalla Polizia

  • Cronaca

    Gioco delle "tre campanelle", i Carabinieri multano altri sette giocatori

  • Elezioni

    Europee, oggi si vota: urne aperte fino alle 23

I più letti della settimana

  • Incidente in A14: schianto tra camion, tratto chiuso e traffico bloccato per ore

  • Il Giro d'Italia torna nel bolognese: le modifiche alla viabilità

  • Incidente a Castenaso: bambino investito sulle strisce in via Nasica

  • Centro blindato per il comizio di Forza Nuova: scontri in via Archigìnnasio

  • Incidente a Pianoro: schianto tra auto sulla Fondovalle

  • Traffico, i 'No tram' bloccano via Matteotti: "Sarà così tutti i giorni"

Torna su
BolognaToday è in caricamento