Giardini estemporanei a bordo strada: "Così salviamo opere naturali di rara bellezza"

Nella piccola frazione di Sabbioni, a Loiano, ai lati della lingua d’asfalto che attraversa il territorio non è difficile notare delle aiuole con dei cartelli: sono piccoli giardini naturali curati da Maria Gabriella Buccioli

Giardini estemporanei a bordo strada, opere naturali salvaguardate da una donna che ama i fiori e la bellezza a 360 gradi. Nella piccola frazione di Sabbioni, a Loiano, ai lati della lingua d’asfalto che attraversa il territorio non è difficile notare delle aiuole con dei cartelli: sono piccoli giardini naturali curati da Maria Gabriella Buccioli, creatrice dei meravigliosi Giardini del Casoncello (GUARDA LE IMMAGINI), che armata di pazienza e buona volontà da dieci anni cerca di salvare le piccole aree dallo sfalcio degli addetti ai lavori e dall’incuria dell’uomo.

Insieme al marito, quando nota che la natura regala aiuole di rara bellezza, scalcia l’erba più alta mettendo in risalto cespugli e piante: “Isolo lo spazio dove c’è un giardino spontaneo - spiega la donna  - in modo che tutti possano ammirarlo. Lungo la  Fondovalle Savena , in primavera, ci sono piante e fiori unici che regalano scenari bellissimi. Isolandoli tutti se ne accorgono, e magari stanno più attenti. Spesso, grazie a questa mia iniziativa, le persone che devono sfalciare l’erba si accorgono dei cartelli e passano oltre, lasciando intatti i giardini estemporanei di Madre Natura”.  

Dalla spiga viola all’anchusa italica, i giardini a bordo strada sono più unici che rari:  “Ogni anno c’è qualcosa di diverso - sottolinea Gabriella Buccioli -. Ad ogni primavera i lati della strada si ornano di imprevedibili giardini portati dal vento: è un regalo che ci offre Madre Natura. Sono quelli che io chiamo i giardini di tutti e non richiedono né fatica né denaro, ma soltanto un piccolo intervento con il decespugliatore per isolarli , e la collaborazione di chi è preposto al taglio stagionale dei stradali. Restano così, qua e là , piacevoli macchie di colore che non disturbano la circolazione , anzi con la loro bellezza, regalano gioia a chi transita. Aggiungere dei cartelli con i nomi botanici di piante e fuori ,  fa conoscere il nostro territorio attraverso la ricchezza della flora spontanea. Quest’anno la primavera è stata particolarmente generosa e ho messo in evidenza otto piccoli giardini”.

Maria Gabriella Buccioli, esperta di giardini e scrittrice, è l’ideatrice dei “Giardini del Casoncello” a Scascoli, aperti al pubblico dal 1996. Un luogo ormai noto in tutto il mondo, che ogni anno attira nel piccolo comune dell’Appennino, esperti e appassionati di botanica . 

Potrebbe interessarti

  • La mappa degli outlet a Bologna: dove fare ottimi affari

  • Ogni quanto vanno lavate le lenzuola?

  • Accadde oggi: il 24 giugno crollò la Rupe di Sasso

I più letti della settimana

  • Possibili temporali in arrivo, diramato bollettino di allerta dalla protezione civile

  • E' morto Gianluca 'Gaz' Galliani: tastierista dei 'Gaznevada

  • Maltempo, grandine in provincia: strade chiuse, auto distrutte e finestre in frantumi

  • Incendio in via Casoni: fiamme nella ex fabbrica officine Casaralta

  • Incidente a Funo di Argelato: schianto moto-furgone, un morto

  • Maltempo e grandine: "crivellate" le finestre di via Natali e via Weber

Torna su
BolognaToday è in caricamento