Giraffa morta a Imola, assolto titolare circo. Lav fa ricorso e chiede uno "stop" al Governo

"Il cucciolo proveniva da uno zoo ceco, era stato sottoposto a trasporto lungo e stressante", poi il monito della Lega al Governo: "Subito dismissione di queste strutture anacronistiche dove gli animali sono usati per fini ludici"

“Ricorreremo in appello contro la sentenza” lo annuncia la Lega anti vivisezione (LAV) in merito all’assoluzione decisa ieri dal Tribunale di Bologna nel processo a carico del titolare del Circo attendato a Imola  nel  2012, per la morte di Aleksandre, un cucciolo di giraffa deceduto daurante la fuga dalla struttura circense.

"Nonostante l’esito della sentenza, la tragica morte dell’animale e le sofferenze inflitte per essere stato sottratto dalla sua prima sistemazione nello zoo delle Repubblica Ceca restano", sottolinea LAV, aggiungendo: "Aleksandre, infatti, subito prima della fuga era stato sottoposto ad un cambio di habitat improvviso e repentino: nato presso uno zoo della Repubblica Ceca, dove viveva in un’area di 10000 m2 insieme ad altri ungulati (un altro maschio di giraffa, zebre, gnu), era stato acquistato  per essere venduto al Circ. Ha quindi dovuto affrontare un viaggio di 17 ore, senza soste adeguate durante il viaggio e senza tenere conto delle sue necessità biologiche ed etologiche, fino all’arrivo nei recinti spogli del circo, e senza potersi adattare al nuovo ambiente".

Chiesto stop al Governo

“Rinchiuso in un recinto è facile immaginare il terrore che lo ha portato a cercare disperatamente la fuga, ma purtroppo è morto dopo la cattura. – continua la LAV – Gli animali nei circhi sono prigionieri in situazioni etologicamente contrarie ai loro bisogni, come attestato dalla FNOVI e dalla FVE, e cercano quindi di fuggire, con esito a volte letale come in questo caso. Ci aspettiamo che il Governo emetta in tempi brevissimi il decreto attuativo e inizi la dismissione di queste strutture anacronistiche dove gli animali sono usati per fini ludici. Le numerose fughe con gli aspetti legati alla sofferenza degli animali e ai pericoli della sicurezza pubblica sono stati documentati nel Rapporto Europeo del 2017”.

La fuga e la morte di Alek

La mattina del 21 settembre 2012 Aleksandre è fuggito dal circo e tutti ricordiamo le immagini che lo vedono, terrorizzato, correre nel traffico della cittadina emiliana per l’intera mattina. Aleksandre – conclude la LAV – non ha retto allo stress e purtroppo è morto nel pomeriggio del 21 settembre, dopo essere stato catturato e riportato al circo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scambia la moglie per un ladro e chiama i Carabinieri

  • Ubriaca sul davanzale, cade giù dal terzo piano

  • Scossa di terremoto nella notte, avvertita anche nell'Appennino bolognese

  • E' Natale, a spasso per Bologna: le vetrine più originali

  • Perturbazione meteo, previsione nevicate: Autostrade mette in guardia

  • Neve in arrivo, non solo in Appennino: "Fiocchi anche in collina e possibili sorprese in pianura"

Torna su
BolognaToday è in caricamento