Via i graffiti dai muri, l'associazione 'adotta' la via del centro

Lions international farà manutenzione 'anti-writer' a muri e portici di via Cartoleria per due anni

Per due anni i muri di via Cartoleria, in centro a Bologna, saranno ripuliti dai Lions e dai Leo, associazione giovanile dei club. La prima ripulitura è avvenuta sabato scorso ad opera di una ventina di volontari, domani è già prevista una ritinteggiatura ma sarà solo l'inizio di una "lotta" che porterà i membri del Lions club ("nessuno di noi abita li'", precisano) ad intervenire ad ogni successivo imbrattamento.

Perché è stata scelta proprio via Cartoleria? È la strada dove si trovano in poche decine di metri la Facoltà di Lingue e letterature straniere, il teatro Duse e, all'angolo con via Castiglione, il liceo Galvani. Una strada dunque molto frequentata anche se non tra le arterie principali del centro.

"Non è una semplice pulizia dei muri, ma una vera adozione da parte dei Lions", sottolinea l'assessore comunale alla riqualificazione del centro, Valentina Orioli, alla conferenza stampa di presentazione. "I muri di via Cartoleria sono fortemente vandalizzati- sottolinea la presidente del quartiere Santo Stefano Rosa Amorevole- ma abbiamo visto che coi patti di collaborazione, che obbligano ad intervenire dopo la prima pulizia, chi fa le scritte alla fine sceglie un altro posto".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In prospettiva, l'obiettivo è fare un altro passo avanti al progetto di rendere i portici di Bologna patrimonio Unesco. "Da questo progetto nascera' qualcosa di grande", confida Giovanna Gibertoni, vicegovernatore di distretto Lions. E Orioli conferma: "Sono stata a Roma due giorni fa, la candidatura Unesco di Bologna è pienamente in pista. Stiamo lavorando con il ministero per scegliere il modo migliore per presentarla in modo che il valore dei portici sia capito a pieno da chi deve valutare". Per 'confezionare' al meglio il dossier, si lavorerà ancora sulla bozza, con l'obiettivo di consegnare il progetto all'Unesco tra un anno, nell'autunno 2019.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bollettino covid oggi: a Bologna (quasi) la metà dei nuovi contagi e decessi registrati in Regione

  • Coronavirus Emilia-Romagna, bollettino 23 maggio: +43 positivi, 193 guariti e calo dei casi attivi

  • Al fiume con gli amici, scompare tra i flutti: ragazzo trovato morto nel fiume Idice

  • Nuova ordinanza Bonaccini: da lunedì aprono centri sociali, circoli, parchi tematici e riprendono gli stage

  • Covid-19, al via le convocazioni per i test a campione: "1.000 solo a Bologna città, si viene contattati per telefono"

  • Spostamenti tra regioni in dubbio, Bonaccini: "Prudenza alta, si rischia la chiusura" 

Torna su
BolognaToday è in caricamento