Respinto accordo Granarolo: tensione ai cancelli, i facchini riprendono i blocchi

Dalle tre di questa mattina i lavoratori della logistica e alcuni gruppi di studenti hanno bloccato nuovamente i cancelli: grande spiegamento di polizia. Parte il boicottaggio contro i prodotti Granarolo

Accordo irricevibile quello proposto ai lavoratori della logistica e redatto davanti al Prefetto Angelo Tranfaglia. Così dalle tre di questa mattina i facchini hanno ripreso i picchetti ai cancelli della Granarolo, bloccando anche i camion in entrata e in uscita.

A contrastarli, forze dell'ordine in tenuta antisommossa che, a quanto si apprende, hanno da poco caricato i manifestanti. Sono centinaia, quasi tutti migranti, i facchini a presidiare gli ingressi, con loro anche studenti e precari, che al grido di "sciopero, sciopero" ribadiscono il loro rifiuto all'accordo stipulato in Prefettura tra aziende e sindacati e chiedono la riassunzione dei 41 licenziati.

BOICOTTAGGIO. Un appello per "una grande giornata di boicottaggio sabato 29 giugno contro la Granarolo": volantinaggi,  flash mob, presidi, volantinaggi e iniziative di sensibilizzazione per "non comprare più il latte e i prodotti della Mucca che sbrana i diritti degli operai".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scambia la moglie per un ladro e chiama i Carabinieri

  • Ubriaca sul davanzale, cade giù dal terzo piano

  • Scossa di terremoto nella notte, avvertita anche nell'Appennino bolognese

  • E' Natale, a spasso per Bologna: le vetrine più originali

  • Neve in arrivo, non solo in Appennino: "Fiocchi anche in collina e possibili sorprese in pianura"

  • Terremoto Toscana: riaperto traffico treni AV e regionali, ci sono ritardi

Torna su
BolognaToday è in caricamento