La vita di 'Igor' in isolamento: legge la bibbia e rifiuta l'ora d'aria

Il killer di Budrio e Portomaggiore passerebbe le sue giornate chiuso dentro la sua cella

Ha molto appetito, legge la bibbia, non esce mai e non ha ancora richiesto telefonate. E' la vita di Norbert 'Igor' Feher dietro le sbarre del carcere di Zuera, secondo quanto riportato dal quotidiano Heraldo de Aragon.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il killer di Budrio e Portomaggiore, catturato in Spagna dopo mesi di latitanza, occupa una cella del reparto di isolamento della casa cirondariale a una ventina di chilometri da Saragozza. Tre pasti al giorno, bagno, la possibilità di affittare una televisione e chiedere libri, Feher però si starebbe negando quasi tutto: fino ad ora non ha chiesto né di fare telefonate né di uscire per le due ore di passeggiata nel cortile del penitenziario. Unica sua richiesta una Bibbia. Al minimo i contatti con altri detenuti e il personale del carcere: la cella di Feher viene perquisita ogni giorno. Nello stesso braccio sono detenute altre 23 persone.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I 4 borghi medievali più belli nella provincia di Bologna

  • Dai colli al centro città, i sette parchi più belli di Bologna

  • Basilica di San Petronio, la chiesa più grande di Bologna: 7 cose da sapere

  • Saggezza popolare: i proverbi più amati dai bolognesi

  • Le vie di Bologna dai nomi più strani e il loro significato, che non tutti conoscono!

  • Coronavirus fase 3 | Fiere, congressi, vacanze di gruppo e viaggi in auto: Bonaccini sigla nuova ordinanza

Torna su
BolognaToday è in caricamento