Killer di Budrio, la Procura chiede il processo per 'Igor'

Fermato a dicembre in Spagna dopo aver ucciso ancora dovrà risponere degli omicidi di Davide Fabbri e Valerio Verri. Undici i capi di imputazione, cinque gli alias formalizzati nell'atto di accusa

La Procura di Bologna ha chiesto il rinvio a giudizio per Norbert Feher, alias 'Igor il russo', il 41enne serbo imputato degli omicidi del barista Davide Fabbri a Budrio e della guardia ecologica volontaria Valerio Verri a Portomaggiore.

Feher è stato fermato nel dicembre scorso dopo una roccambolesca fuga nella quale sono stati uccisi anche due poliziotti spagnoli e un contadino. Nei mesi scorsi i magistrati bolognesi erano andati a interrogare il 41enne nel carcere di Teruel dove attualmente è detenuto.

Sono undici i capi di imputazione tra cui omicidio volontario pluriaggravato in relazione al delitto nel bar della Riccardina, oltre che i furti e le rapine del furgone e della bicicletta e delle pistole che ha utilizzato durante la sua latitanza. Tra le accuse anche il tentato omicidio alla guardia giurata Valerio Verri.

A carico di 'Igor' via Garibaldi addebita una sfilza di prove tra cui anche i riscontri del suo Dna trovati dal Ris sui luoghi dei delitti, oltre che testimonianze e perizie balistiche.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Virus cinese: cos'è, come si diffonde e come proteggersi

  • Elezioni Regionali Emilia-Romagna, i risultati: Bonaccini vince e va oltre il 50 per cento

  • La dea bendata bacia il Christian bar: in via Toscana vinto 1 milione di euro

  • Regionali Emilia Romagna, le Sardine festeggiano e escono di scena: "Non siamo nati per stare sul palcoscenico. E' tempo di tornare alle nostre priorità"

  • Incidente, scontro frontale a Castel Guelfo: 24enne grave al Maggiore

  • Lunga giornata di voto in Regione. Boom alle urne, oltre il 70% a Bologna

Torna su
BolognaToday è in caricamento