Il Commissario Cancellieri lascia ai suoi cittadini una “Bella Bologna”

Presentato il progetto da 2,8 mln, un'eredità per il futuro sindaco. Ecco i progetti per riqualificare il centro storico: più aree pedonali, stazioni ecologiche, meno cartelli pubblicitari, via libera alle mappe turistiche

Una “Bella Bologna” per i cittadini: questo è il lascito del Commissario Anna Maria Cancellieri. Ieri, durante una conferenza a Palazzo D’Accursio, è stato presentato il progetto volto alla riqualifica del centro storico cittadino, per cui saranno investiti 2,8 mln di euro, cioè la cifra risparmiata durante i 14 mesi di commissariato.
Il piano prevede la maggiorazione delle aree pedonali, stazioni ecologiche, meno cartelli a deturpare il territorio, mappe per informazioni turistiche alle fermate degli autobus, colonne per i manifesti degli spettacoli sul modello delle metropoli europee . Queste le principali iniziative contenute nel dossier “Bella Bologna” voluto fortemente dalla che sarà lasciato in eredità al futuro sindaco. Una sorta di vademecum di propositi, in parte già realizzati, insieme ad alcune linee guida per migliorare l’aspetto del centro.

IL VOLTO NUOVO DI BOLOGNA – Il commissario ha già “messo mano” alle iniziative, avviando alcuni progetti come: la mappatura di 1.200 “incongrui”, ossia insegne che deturpano l’immagine del centro (sono già’ stati rimossi circa 400 cartelloni); un nuovo piano di raccolta differenziata dei rifiuti, il riordino complessivo del sistema di informazione turistica; azioni di sostegno alla candidatura dei portici di Bologna quale patrimonio Unesco e, infine, il miglioramento dell’accessibilità nella Cerchia dei Mille.
Si aggiunge la riqualificazione di via Degli Orefici, dove a maggio saranno collocate piante di ciliegio e panchine, la rivalorizzazione di via Manzoni, il ripristino del verde e apertura del giardino di Casa Morandi, il rifacimento di Piazza Verdi, oltre a piazza San Domenico, piazza Minghetti e piazza del Francia via De Pepoli (sara’ pedonalizzata), via Parigi, piazza XX Settembre, e infine la riapertura del piccolo giardino dietro l’abside di Santa Maria Dei Servi.
 
ISOLE ECOLOGICHE E PEDONALIZZAZIONE -  Presentato il piano elaborato insieme ad Hera – che prevede un investimento di 3.5 mln di euro - per rivoluzionare la raccolta dei rifiuti dentro le mura: sono previste una decina di isole ecologiche, compresa quella che verrà presto installata in Piazza Minghetti e si adotteranno per alcune utenze cassonetti più piccoli, che meno ingombrano e imbruttiscono il paesaggio.  A riguardo sono inoltre già stati eliminati i cassonetti più antiestetici ed ingombranti.
Riguardo la pedonalizzazione, ha spiegato in conferenza stampa Bruno Gabrielli -il consulente che ha firmato il dossier per il futuro sindaco- “L’obiettivo è che almeno nella cerchia più antica non si entri più con l’auto. Oggi ci sono «troppi accessi rispetto alla realtà del centro storico».
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sente rumori sospetti in casa e spara, ucciso un uomo

  • Lega: "A Bologna party universitario blasfemo, intervenga il Rettore"

  • Scossa di terremoto nella notte, avvertita anche nell'Appennino bolognese

  • Incidente a Casalecchio: pedone investito all'incrocio

  • Terremoto Toscana: riaperto traffico treni AV e regionali, ci sono ritardi

  • E' Natale, a spasso per Bologna: le vetrine più originali

Torna su
BolognaToday è in caricamento