Immigrazione clandestina sulla rotta Accra-Bologna: al palo sodalizio

Ogni migrante doveva versare 6mila euro escluse le spese per il viaggio aereo

Una vera e propria tratta di persone sulla rotta Accra- Instanbul - Bologna, ma anche Parigi o Amsterdam. Un sodalizio che favoriva l'immigrazione illegale è finito al centro delle indagini della polizia di Pordenone che dall'alba sta eseguendo arresti e perquisizioni. Lo riferisce "Il Gazzettino". 

Secondo le ricostruzioni, ogni migrante doveva versare 6mila euro escluse le spese per il viaggio aereo, e sarebbe emerso un'organizzazione articolata, gestita da un cittadino ghanese di 30 anni, ora in carcere, che era in grado di far arrivare i suoi connazionali in Italia falsificando i documenti di viaggio, con pagamenti illeciti effettuati tramite i circuiti internazionali di money-transfer, denaro poi riciclato in Ghana.

Altri quattro ghanesi sono indagati ed il titolare di una ex agenzia di viaggi è stato sottoposto a perquisizione domiciliare sempre disposta dalla Procura della Repubblica di Pordenone titolare dell'inchiesta. 

Nei giorni scorsi due italiani sono stati arrestati a Imola: sono accusati dall'autorità austriaca di favoreggiamento all'immigrazione clandestina e associazione finalizzata all'immigrazione clandestina, reati commessi in Austria.
 

Potrebbe interessarti

  • La mappa degli outlet a Bologna: dove fare ottimi affari

  • Accadde oggi: il 24 giugno crollò la Rupe di Sasso

  • SuperEnalotto, in Emilia sfiorato jackpot più alto del mondo

I più letti della settimana

  • Possibili temporali in arrivo, diramato bollettino di allerta dalla protezione civile

  • Aeroporto, volo Bologna-Kos, passeggeri: "A terra da 12 ore come ostaggi virtuali"

  • Maltempo, grandine in provincia: strade chiuse, auto distrutte e finestre in frantumi

  • Maltempo e grandine: "crivellate" le finestre di via Natali e via Weber

  • Accadde oggi: il 24 giugno crollò la Rupe di Sasso

  • A Bologna il migliore è il Forno Brisa: si aggiudica 3 "pani" Gambero Rosso

Torna su
BolognaToday è in caricamento