Imola, truffa dei falsi investimenti: bancario intasca 700mila euro e finisce nei guai

Si faceva consegnare grosse somme in contanti dai clienti, alcuni dei quali erano amici di famiglia,

Foto di repertorio

La  Compagnia  della Guardia di Finanza di  Imola, coordinata dal pm Michele Martoelli della Procura  della  Repubblica  di Bologna, al termine di una lunga indagine ha 'pizzicato' un  promotore finanziario alle dipendenze di un importante  istituto  di credito, ora indagato per abusivismo  finanziario e appropriazione  indebita. 

Le Fiamme Gialle hanno ricostruito il meccanismo fraudolento che gli ha permesso di intascare in pochi anni circa 700mila euro, attraverso vere e proprie truffe ai clienti, alcuni dei quali amici di famiglia. Approfittando del rapporto di fiducia e utilizzando falsi prospetti di rendimento, proponeva investimenti altamente remunerativi, accumulando così il bel 'gruzzolo'.

Si faceva consegnare ingenti somme di denaro in contanti che, invece di essere investite, venivano utilizzate per le sue spese personali o per rimborsare altri ignari clienti che avevano subito perdite o sostenuto spese dalla gestione dei risparmi che egli stesso aveva promosso.   

Un inganno che ha permesso al promotore di poter incrementare il numero dei clienti gestiti nel proprio “portafoglio” e quindi accumulare provvigioni. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Non solo massaggi al centro estetico: blitz dei Carabinieri a Pianoro

  • Gianni Morandi racconta il dolore per la perdita della figlia

  • Morto in solitudine, gli amici si mobilitano per trovare i parenti: "Ivan se lo meritava"

  • 130 kg di droga sequestrati, raffica di arresti: base logistica a Castel Maggiore

  • Bolognina, chuso forno in via Tibaldi

  • Corticella: perde conoscenza sul bus 27, poi gli insulti e le minacce

Torna su
BolognaToday è in caricamento