Imola: forzano la porta e occupano alloggio Acer

Per lui obbligo di firma fino all'accompagnamento alla frontiera, per lei il Questore di Bologna di lasciare il territorio italiano entro 7 giorni

A seguito di una segnalazione, la Polizia Municipale di Imola e i tecnici dell’Acer si sono portati nella palazzina in via Cenni 10,. Giunti sul posto, gli agenti hanno accertato che all’interno di un appartamento sfitto, in attesa di una nuova assegnazione, vi erano due persone, un uomo di nazionalità albanese di 28 anni ed una donna di nazionalità cubana di 19 anni.

Si erano introdotti nell’appartamento danneggiando la porta di ingresso. Gli agenti della Polizia Municipale hanno provveduto allo sgombero riaffidando l’alloggio alla società Acer. Le due persone sono state quindi denunciate a piede
libero in attesa di giudizio per occupazione abusiva di edifici pubblici (ai sensi degli artt. 633- 639 bis del C.P.).

L’uomo, in possesso di un passaporto, e la donna, sprovvista di documenti di identità, sono stati quindi accompagnati al locale Commissariato di P.S. per svolgere tutte le operazioni necessarie alla loro identificazione e alla verifica della regolarità della loro presenza sul territorio italiano. A seguito dei controlli eseguiti d’ufficio, gli agenti della Polizia
Municipale hanno accertato che i due, di fatto senza fissa dimora e gravati di altri precedenti penali, si trovavano irregolarmente sul territorio italiano, ovvero senza disporre di permesso di soggiorno valido. Nel confronti della donna, poi, era già stato emesso in data 24/10/2017 un provvedimento di espulsione con l’ordine di lasciare il territorio nazionale entro 7 giorni, ordine al quale non aveva evidentemente dato seguito. Nei confronti dell’uomo e della donna, quindi, la Prefettura di Bologna ha emesso un nuovo ordine di espulsione dal territorio nazionale. All’uomo, non essendo disponibile nell’immediato un vettore idoneo all’esecuzione del rimpatrio, il Questore di Bologna ha imposto l’obbligo di firma tutti i giorni presso il Commissariato di P.S. per il tempo strettamente necessario alla rimozione degli impedimenti
all’accompagnamento alla frontiera, mentre alla donna, non essendo possibile trattenerla in un Centro di Identificazione ed Espulsione per indisponibilità di posti, è stato intimato sempre dal Questore di Bologna di lasciare il territorio italiano entro 7 giorni.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Grave lutto per Cesare Cremonini: morto il papà Giovanni

  • Lutto all'Alma Mater: morto a 94 anni Alfonso Traina, professore emerito, filologo e latinista

  • Funerale Giovanni Cremonini, in centinaia per l'ultimo saluto al babbo di Cesare

  • Piazzola sospesa per due giorni, gli ambulanti protestano

  • Esce di casa e non torna, trovato di notte nel fiume

  • Medicina: si ubriaca, picchia tutti e danneggia il bar

Torna su
BolognaToday è in caricamento