Imola, droga a domicilio: pusher "consegna" in taxi

Era evaso dai domiciliari. Negli slip 10 grammi di cocaina. A Pieve di Cento sequestrato un etto tra hashish e marijuana

I Carabinieri del Radiomobile di Imola hanno arrestato un cittadino somalo 25enne, residente a Ravenna, per detenzione ai fini di spaccio di stupefacenti ed evasione.

Ieri mattina, una pattuglia in transito lungo la Strada Statale “610 Selice” in direzione di Massa Lombarda, si è accorta che all’interno di un taxi che aveva le insegne della città di Ravenna, c’era il giovane cittadino somalo, conosciuto ai militari per i suoi precedenti in materia di furti, armi e droga.

Dopo aver invitato l’autista del taxi a fermarsi, i Carabinieri hanno controllato il passeggero, proveniente da
Ravenna: è emerso che era evaso, vista la condanna agli arresti domiciliari fino a gennaio 2020. Sottoposto a perquisizione, prima personale nella caserma Carabinieri di Imola e più tardi nel suo appartamento di Ravenna, il giovane è stato trovato in possesso, negli slip, di una decina di grammi di cocaina, mentre, nell’abitazione di Ravenna, una trentina di grammi di marijuana e del materiale adatto al confezionamento della stessa.

E’ probabile che il giovane spacciatore, dopo aver fatto "rifornimento" a Ravenna abbia usufruito del servizio taxi per non dare nell’occhio e trasportare la droga comodamente e direttamente all’abitazione di qualche cliente imolese. Su disposizione della Procura della Repubblica di Bologna, il 25enne è stato tradotto in carcere. 

Sempre nella giornata di domenica 3 novembre, la Polizia ha denunciato un cittadino tunisino di 22 anni, da poco entrato "in affari", infatti fino a ieri risultava incensurato, benché irregolare sul territorio italiano. La volante lo ha visto in via Barozzi a Bologna mentre parlava con un altro straniero. Quest'ultimo si è dato alla fuga, mentre il 22enne si è nascosto tra le auto parcheggiate. In tasca aveva 20 grammi di hashish e 250 euro. 

A Pieve di Cento sono state arrestate due persone per spaccio di sostanza stupefacente in una operazione congiunta della Polizia Locale “Reno Galliera” e dei Carabinieri della Stazione di Pieve di Cento. Si tratta di un 52enne residente in paese e di un 26enne, incensurato, di Cento. Per entrambi l’accusa è quella di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente in concorso.
Il personale in abiti e borghesi e con veicoli senza insegne ha individuato due giovani centesi in possesso di piccole dosi di cannabis che avevano appena acquistato dal ventiseienne. 
Le successive perquisizioni personali e domiciliari, eseguite presso le abitazioni dei due arrestati, hanno consentito di sequestrare complessivamente oltre un etto di cannabis, tra marijuana e hashish, oltre ad un bilancino di precisione utilizzato per pesare le dosi di stupefacente prima della vendita. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scambia la moglie per un ladro e chiama i Carabinieri

  • Ubriaca sul davanzale, cade giù dal terzo piano

  • Scossa di terremoto nella notte, avvertita anche nell'Appennino bolognese

  • E' Natale, a spasso per Bologna: le vetrine più originali

  • Perturbazione meteo, previsione nevicate: Autostrade mette in guardia

  • Neve in arrivo, non solo in Appennino: "Fiocchi anche in collina e possibili sorprese in pianura"

Torna su
BolognaToday è in caricamento