Incidente A14, sindacati: "Sicurezza sul lavoro tema urgente, basta morti"

Filt-Cgil, Fit-Cisl e Uiltrasporti in merito all’incidente di ieri sulla A14 nel quale ha perso la vita un camionista di 68 anni

Basta morti sul lavoro, investire sulla sicurezza. Questo l'appello dei sindacati dopo l'incidente mortale di ieri in autostrada. “Esprimiamo il nostro commosso cordoglio ai familiari del camionista morto ed auguriamo pronta guarigione al collega ferito”, così dichiarano Filt-Cgil, Fit-Cisl e Uiltrasporti in merito all’incidente di ieri sulla A14.

“È difficile ormai trovare le parole – proseguono le organizzazioni sindacali - proviamo solo un senso di sgomento per quanto avviene nei luoghi di lavoro. Non si contano più i morti, i feriti, le persone rimaste invalide.

Abbiamo effettuato lo sciopero generale dei trasporti del 24 e 26 luglio anche per richiamare con forza quale priorità la sicurezza delle lavoratrici e dei lavoratori nell’ambito dei luoghi di lavoro. Quello dell’autista è un luogo itinerante che ha bisogno di maggiore attenzione e prevenzione, a partire dai servizi e dalle infrastrutture per la sosta”.

Aggiungono Filt-Cgil, Fit-Cisl e Uiltrasporti: “Ribadiamo ancora una volta, con forza, che è necessario fermare questa sequela di morti e per farlo bisogna che ogni soggetto responsabilmente, in questo Paese, faccia la propria parte e ciò non vale solo per il sindacato.

Le istituzioni, da chi controlla a chi ha il dovere di operare per far aumentare gli standard della sicurezza, come il Governo ed i Ministeri dei Trasporti e del Lavoro, devono rendere operativi investimenti nella prevenzione della sicurezza, ma anche il sistema delle imprese che continua a chiedere contributi per l’autotrasporto, ma molto spesso esige dagli autisti turni massacranti o sotterfugi per raggirare le norme sulle ore di guida e di riposo.

Chiediamo ai Ministri di essere convocati per discutere di questi temi al di là delle buone intenzioni, alla luce dei dati che ci dicono che in Italia muore ogni anno un autista di mezzi pesanti ogni due giorni. Ciò non rappresenta un paese civile; è ora di un cambio di passo vero sulla sicurezza di chi lavora”

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Morti sul lavoro

Sono due i decessi sul lavoro nel Bolognese della scorsa settimana, ultimi in ordine di tempo. SI tratta di due operai, uno morto schiacciato a Crespellano dal muletto che trasportava e l'altro a Minerbio, il 22 e il 25 luglio scorsi. Un terzo lavoratore, il giorno prima, era rimasto ferito a Castenaso, durante la sostituzione di una bombola a GPL dI un'automobile.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus Bologna e provincia, bollettino 7 aprile: i dati comune per comune

  • Coronavirus, mascherine gratuite: ecco come sarà la distribuzione in Emilia-Romagna

  • Coronavirus, la Regione Emilia-Romagna dà tre milioni di mascherine gratis a tutti i cittadini

  • Coronavirus Bologna e provincia, bollettino 3 aprile: i dati comune per comune

  • Coronavirus Bologna e provincia, bollettino 4 aprile: i dati comune per comune

  • “Mio padre ha perso il lavoro e il frigorifero è vuoto, aiutateci": adolescente chiede aiuto al 112

Torna su
BolognaToday è in caricamento