Incidente mortale bici-furgone: vittima un professore dell'Alma Mater

L'uomo, 79 anni, era uscito in sella a una due ruote elettrica. Il violentissimo impatto con un furgone non gli ha lasciato via di scampo

I rilievi della polizia locale sul luogo dell'incidente

E'  Piermaria Luigi Rossi,  geologo e professore emerito all'Alma Mater Studiorum - Università di Bologna, l'uomo di 79 anni  morto ieri a Rimini, dopo una violenta collisione con un furgone. Originario di Rimini, ma residente a San Lazzaro di Savena  e in pensione da circa due anni, è deceduto poco dopo il trasporto in ospedale. 

Da quanto si apprende, Rossi era in sella a una due ruote elettrica in direzione Riccione quando improvvissamente sulla strada sarebbe sbucato un furgone che trasportava alimenti freschi: poi l'impatto. L'esatta dinamica di quanto accaduto è ancora al vaglio della polizia locale, intervenuta per i rilievi, e per coadiuvare il traffico. E il furgone è stato immediatamente posto sotto sequestro.

Sul posto sono accorsi i mezzi del 118,  un'ambulanza e auto medicalizzata, con i sanitari che hanno provveduto a stabilizzarlo, trasportandolo poi al pronto soccorso con il codice di massima gravità, ma a causa delle ferite riportate è deceduto poco dopo.

Piermaria Luigi Rossi era stato il direttore del Dipartimento di Scienze biologiche e ambientali di Bologna: esperto geologo e vulcanologo, era stato nominato professore emerito dell'Università di Bologna,  e autore-coautore di oltre 200 pubblicazioni, di cui  121 su riviste nazionali e internazionali.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sente rumori sospetti in casa e spara, ucciso un uomo

  • Lega: "A Bologna party universitario blasfemo, intervenga il Rettore"

  • Incidente a Casalecchio: pedone investito all'incrocio

  • Terremoto Toscana: riaperto traffico treni AV e regionali, ci sono ritardi

  • Morti in incidenti stradali: Bologna la più colpita, diventa obbligatorio l'alcol-lock

  • Rissa dopo Bologna - Milan: tifoso accoltellato, è grave

Torna su
BolognaToday è in caricamento