Infermieri e badanti impiegati in modo irregolare, insorgono i sindacati

Un indagine sarebbe in corso da parte dell'ispettorato del lavoro. Nursind: 'Contestati verbali per due milioni di euro'

Pratiche irregolari per impiegare infermieri a chiamata. Secondo quanto riportato stamane da Repubblica Bologna sarebbero circa duecento gli infermieri precari che lavorerebbero conto terzi, impiegati negli ospedali pubblici e privati delle Due Torri e gestiti da alcuni studi professionali. La pratica illecita consisterebbe nel fatto che le uniche agenzie riconosciute per il lavoro cosiddetto 'a chiamata' sarebbero le agenzie per il lavoro. Il lavoro di questi professionisti, comunque perfettamente formati, sarebbe però coordinato attraverso portali e chat whatsapp -riporta Repubblica- in modo informale, con grossi rischi di non vedere riconosciuti in sede fiscale contributi, ferie e straordinari.

Altro caso quello di una cooperativa di badanti, dove lavoratori e lavoratrici sono soci solo di nome ma di fatto sono dipendenti. Un sistema in tutto e per tutto simile a quello del facchini della logistica, e anche questo molto rischioso quando si deve verificare il versamento dei contributi per accedere agli ammortizzatori sociali o alla pensione.

I sindacati insorgono. Questo degli infermieri a chiamata sottobanco è un fenomeno che "non ci lascia per nulla sorpresi" dichiara Gaetano Alessi della sanità Fp Cgil. "Da mesi continuiamo a chiedere alle aziende assunzioni e dignità per lavoratori e lavoratrici: invece di perseguire la strada della valorizzazione del personale, che passa anche dalla dignità contrattuale, si cerca sempre la via più comoda".

Dello stesso tono anche Paolo Palmirani della Uil Fpl: "Al di la della irregolarità di forme atipiche del rapporto di lavoro, che vanno giustamente sanzionate, ci chiediamo se la migliore qualità e organizzazione del lavoro in una struttura sanitaria possa essere garantita da strumenti quali “l’infermiere a chiamata” che a nostro avviso male si addice a quel principio di investimento sul capitale umano a cui le strutture sanitarie, a partire da quelle pubbliche".

Anche il sindacato di categoria Nursind chiede provvedimenti alle aziende ospedaliere: "Gli ispettori hanno contestato irregolarità erogando multe salate e contestando contributi non versati per oltre due milioni di euro” afferma Antonella Rodigliano, segretaria territoriale del NurSind. "Il problema non è lo stipendio, come ben ha rilevato l’Ispettorato del Lavoro, ma il precariato estremo –continua Rodigliano-, con professionisti che sono in balìa di chi li chiama e si portano dietro irregolarità nei contributi, e soprattutto la mancanza di una adeguata conoscenza delle strutture".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Meteo, previsioni per il fine settimana: tornano pioggia e neve

  • Sardine, il 19 gennaio 6 ore di musica e riflessioni: ecco chi salirà sul palco di Piazza VIII agosto

  • Incidente a San Lazzaro: 20enne investito sulle strisce

  • Vuole offrire da bere agli 'amici': invece di ringraziarlo lo aggrediscono e lo rapinano

  • Incidente a Sasso: scontro camion-corriera, passeggeri bloccati vicino il bordo della rupe

  • Rapina la banca, poi confessa davanti al Giudice: “Mio figlio malato, la paga da operaio non basta”

Torna su
BolognaToday è in caricamento