Infezioni contratte in ospedale, risarcimenti per quasi quattro milioni

Lo rende noto il M5S attraverso un accesso agli atti. I dati riferiti nel periodo 2014-2019

La Regione Emilia-Romagna ha speso 3,8 milioni di euro in cinque anni per risarcire ai pazienti i danni per le infezioni ospedaliere. Lo rende noto, dopo un accesso agli atti, la consigliera regionale M5s Giulia Gibertoni. "Dal 2014 ad oggi le infezioni correlate all'assistenza negli ospedali dell'Emilia-Romagna ci sono costate quasi quattro milioni di euro in risarcimenti riconosciuti ai pazienti. Inoltre, spediamo dai 31 milioni ai 56 milioni per curare questi casi, risorse che potremmo destinare ad altre cure se si azzerassero queste infezioni".

Nonostante ciò, prosegue Gibertoni in una nota, la Regione "sembra non affrontare con cognizione di causa il problema visto che ad oggi esiste solo uno studio che risale al 2016 sul numero di infezioni contratte in ambiente ospedaliero, effettuato a campione e con dati nemmeno suddivisi per ospedale. Per questo presenterò un ulteriore accesso agli atti per cercare di fare più luce possibile su questo aspetto che sembra incidere in modo rilevante sull'assistenza sanitaria garantita nei nostri ospedali". E "purtroppo i dati che la Regione ci ha fornito sono generici ed incompleti", spiega ancora Gibertoni.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Manca, così come avevo richiesto, un elenco dettagliato delle tipologie delle infezioni oltre a una suddivisione puntale e precisa degli ospedali e delle strutture sanitarie dove si sono registrati i casi. Da ciò che mi è stato fornito dalla Regione emerge che la situazione più critica si è registrata negli ospedali in provincia di Bologna gestiti dall'Ausl dove su un campione di 259 pazienti in ben 30 casi (pari al 12%) si è riscontrata una infezione correlata all'assistenza". Percentuale "simile" a quella del Sant'Orsola (63 su 533), mentre per il Rizzoli la "percentuale è più bassa, ovvero il 4,4%". (Bil/ Dire)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dai colli al centro città, i sette parchi più belli di Bologna

  • Covid, nuovo focolaio corriere Tnt: chiuso il magazzino, test per tutti i lavoratori della logistica

  • Coronavirus, aumentano i contagi in regione: + 71. Donini alle aziende: "Fate screening"

  • Incendio in via Sant'Isaia, morta una giovane donna

  • Coronavirus Emilia-Romagna: altri 47 casi, metà a Bologna e 11 sintomatici

  • Dimesso dall'ospedale, torna e aggredisce operatore con calci e pugni

Torna su
BolognaToday è in caricamento