Philip Morris, sì alla vendita di IQOS negli Stati Uniti

Buone notizie per lo stabilimento di Crespellano, primo produttore al mondo di “heat-sticks”

La Food and Drug Administration (FDA) degli Stati Uniti ha annunciato il suo ok alla vendita di Iqos, il kit di Philip Morris alternativo alle sigarette tradizionali, prodotto negli stabilimenti di Crespellano e Zola Predosa.

Una vittoria per il gigante del tabacco, dopo il via libera della FDA. Howard Willard, il presidente e amministratore di Altria Group Inc, che controlla Phili Morris, ha annunciato che Iqos verrà introdotto per la prima volta nell'area di Atlanta, attraverso un negozio a marchio e altri punti vendita.

Iqos, come le sigarette tradizionali, dovrà comunque recare etichette di avvertimento e sarà soggetta alle stesse restrizioni sulla pubblicità televisiva, radiofonica e stampata.Restrizioni anche sulla commercializzazione su Internet.

Fu l'allora Presidente del Consiglio Matteo Renzi a "posare" la prima pietra nel bolognese a ottobre del 2014, i lavori a tempo di record sono stati ultimati nel 2016 e la prima produzione al mondo di “heat-sticks” le mini-sigarette ha avuto inizio.

L’Italia uno dei maggiori mercati delle Iqos, con 300 mila fumatori dichiarati da Pmi.

Potrebbe interessarti

  • Eclissi di luna: cosa vedremo e come fotografarla

  • Nuove tariffe bus Tper: il biglietto passa a 1 euro e 50, il citypass aumenta di 2 euro

  • Downburst: un fenomeno pericoloso e sempre più frequente

  • SuperEnalotto: colpo da 50mila euro a San Lazzaro, sfiorato il jackpot più alto della storia

I più letti della settimana

  • Vicolo Facchini: 33enne trovato morto in strada, sospetta overdose

  • Eclissi di luna: cosa vedremo e come fotografarla

  • Morta a 29 anni dopo incidente a Londra, raccolta fondi per la famiglia

  • Incendio alla Coop di Sasso Marconi: appiccato il fuoco in quattro punti diversi

  • Allerta meteo, arriva incursione fredda: rischio temporali e grandine

  • Incidente fatale: scontro tra auto, morto un 20enne

Torna su
BolognaToday è in caricamento