Scippatore si lancia dal ponte: nel suo cellulare video di una decapitazione

Era stato arrestato dopo aver scippato una donna e per sfuggire alla cattura si era gettato dal ponte di Via Matteotti cadendo sui binari. Ora la sua posizione potrebbe aggravarsi

Era stato arrestato il 28 gennaio, quando, dopo aver scippato una donna, per sfuggire alla polizia si era gettato dal ponte di Via Matteotti cadendo sui binari. Ora la sua posizione potrebbe aggravarsi. 

Infatti, nel telefono cellulare del cittadino marocchino 21enne, pregiudicato, è stato trovato il video di una decapitazione di un uomo bendato e inginocchiato. Immediatamente il cellulare è stato posto sotto sequestro e l'informazione trasmessa dalla Polizia alla Procura bolognese. 

VOLO SUI BINARI. La settimana scorsa, una cittadina aveva allertato il 113 per uno scippo, avvenuto su via Matteotti, all'altezza di una fermata dell'autobus. Vittima una 58enne italiana, derubata del telefono cellulare. Giunti sul posto, gli agenti erano riusciti in breve a rintracciare il ladro che, messo alle strette, aveva pensato di seminare i poliziotti scavalcando la balaustra del ponte che sovrasta la ferrovia. L'episodio, inoltre, aveva causato anche qualche disagio alla circolazione dei treni, bloccati per qualche minuto. 

Allertata la Polfer, lo straniero è stato rintracciato in prossimità del binario 4: lungo curriculum criminale a carico del giovane che il 17 gennaio era stato fermato per una rapina messa a segno in via San Vitale. Per lui anche un divieto di dimora in città. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scambia la moglie per un ladro e chiama i Carabinieri

  • Ubriaca sul davanzale, cade giù dal terzo piano

  • Scossa di terremoto nella notte, avvertita anche nell'Appennino bolognese

  • E' Natale, a spasso per Bologna: le vetrine più originali

  • Neve in arrivo, non solo in Appennino: "Fiocchi anche in collina e possibili sorprese in pianura"

  • Terremoto Toscana: riaperto traffico treni AV e regionali, ci sono ritardi

Torna su
BolognaToday è in caricamento