Rubava tablet e computer sui Frecciarossa: ladro seriale arrestato in stazione

È accusato di altri quattro furti dello stesso tipo

foto archivio

Nella tarda mattinata di ieri la Polizia ferroviaria di Bologna ha arrestato un cittadino libico ventenne responsabile di una serie di furti commessi a danno di passeggeri dei treni alta velocità. L'uomo è stato notato dagli agenti mentre si allontanava velocemente dal binario sotterraneo proprio mentre i poliziotti si avvicinavano al treno per la denuncia di un furto.  

Ad aiutare gli agenti, la descrizione fornita telefonicamente dalla vittima alla Sala operativa che corrispondeva all'identità del fuggitivo. Bloccato e accompagnato in questura, al termine della perquisizione è stato trovato in possesso di 250 euro in contanti, due computer portatili e un tablet.

Grazie alle informazioni acquisite dal capotreno, è stato possibile risalire ai proprietari del tablet e di uno dei due computer. Ulteriori
accertamenti, effettuati con la collaborazione del personale Trenitalia, hanno consentito inoltre di ricostruire altri quattro furti commessi nella mattinata dallo straniero, di cui uno a Milano centrale e altri tre a bordo di altri Frecciarossa.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Bologna usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus Bologna e provincia, bollettino 2 aprile: i dati comune per comune

  • Coronavirus Emilia Romagna, bollettino 30 marzo: contagi +412, 95 morti

  • Coronavirus Bologna e provincia, bollettino 3 aprile: i dati comune per comune

  • Coronavirus Bologna e provincia, bollettino 31 marzo: i dati comune per comune

  • Coronavirus Bologna e provincia, bollettino 4 aprile: i dati comune per comune

  • “Mio padre ha perso il lavoro e il frigorifero è vuoto, aiutateci": adolescente chiede aiuto al 112

Torna su
BolognaToday è in caricamento