Comune e imprese uniti per trovare lavoro: fila per i colloqui a Palazzo D'Accursio

E' l'iniziativa "Luci sulla comunità", al via oggi: nella sede del Comune le imprese incontrano i cittadini per colloqui e orientamento al lavoro. Lo scopo è indire una gara di solidarietà tra le 6.000 aziende associate per l’inserimento del maggior numero possibile di profili

Nella sede del Comune le imprese bolognesi incontrano i cittadini per colloqui e orientamento al lavoro. E' l'iniziativa 'Bologna, luci sulla comunità', al via oggi e domani a Palazzo D'Accursio. Unindustria, Confartigianato Assimprese e Legacoop, con la collaborazione delle organizzazioni sindacali CGIL, CISL e UIL, hanno messo a disposizione, in collaborazione con i Centri per l'impiego e lo Sportello comunale per il lavoro di Bologna, nella Sala del Dentone di Palazzo D’Accursio, decine di esperti in selezione del personale che, dalle 8.30 alle 18, condurranno appositi colloqui per mappare le competenze di quanti si presenteranno.

In tanti si sono messi in fila questa mattina davanti al Comune, sperando di riuscire ad avere una opportunità di lavoro. 
Lo scopo dell’iniziativa è infatti proprio quello di indire una gara di solidarietà tra le 6.000 imprese associate per l’inserimento, o il reinserimento, del maggior numero possibile di profili nel mercato del lavoro.

A tutti coloro che si "profileranno" verranno consegnati un voucher per un corso di formazione e sei ticket per altrettanti pasti gratuiti da ritirare, dal 3 all’8 dicembre dalle 11.30 alle 14.30, nel cortile di Palazzo d’Accursio.
I corsi di formazione gratuiti, saranno focalizzati su tre aree tematiche: “Come scrivere un curriculum e affrontare un colloquio di lavoro”, “Informatica di base” e “Corso intensivo di apprendimento della lingua italiana”. I candidati potranno scegliere quello più congeniale alle proprie esigenze e ai propri interessi entro dicembre 2016. La distribuzione dei pasti sarà a cura del personale delle diverse associazioni di categoria coinvolte e dei tanti volontari che si vorranno aggiungere.

Soddisfatto dell'iniziativa il sindaco di Bologna Virginio Merola, che ha voluto ringraziare le imprese e le  associazioni di categoria impegnate in questa iniziativa, ricodando che "nella crisi, si è allargata la forbice della povertà nel nostro Paese così come nella nostra città. L'economia oggi è in ripresa e il nostro territorio ha mantenuto per fortuna molte imprese in salute che hanno, nonostante tutto, continuato ad assumere o a riorganizzarsi per competere nel mercato nazionale e internazionale". In tutto questo, però, ricroda  Merola, "non dobbiamo mai scordarci che nessuno deve rimanere indietro e che Bologna sarà più forte quanto sarà in grado di redistribuire a tutti anche quel poco di ricchezza che si genera. Dobbiamo rimettere in circolo il lavoro, aiutare chi oggi ha perso la speranza, in particolare le persone adulte, padri e madri di famiglia, tanto quanto i giovani che hanno voglia di fare". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Da questa mattina centinaia di persone si sono messe in fila per avere un colloquio con esperti in selezione del personale presenti nella Sala del Dentone . Grande partecipazione di giovani alla ricerca di un primo impiego e di adulti che hanno perso il lavoro", Così racconta la presidente di Legacoop Bologna, Rita Ghedini, aggiungendo di essere rimasta "colpita molto dalla presenza di tante mamme, cittadine italiane e straniere, che sono arrivate con passeggini e carrozzine per prenotare un colloquio, per imparare a scrivere il proprio curriculum e per capire come sostenere una prova di assunzione". Perchè, chiosa Ghedini, "essere in possesso dei requisiti professionali richiesti dal mercato del lavoro è fondamentale per rientrare a farne parte. Sembra scontato, ma per molti non lo è. Per questo motivo Legacoop Bologna ha aderito a questa iniziativa, con la speranza che per molte persone possa trasformarsi in una concreta occasione di reinserimento lavorativo". 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid -19: dove e come fare il test sierologico a Bologna

  • Coronavirus, bollettino 29 maggio Bologna e provincia: la situazione comune per comune

  • Pianoro, tragico incidente lungo la Futa: morto un giovane motociclista

  • Bonus bici elettriche e monopattini: chi può chiedere i 500 euro

  • Mercurio dà spettacolo: come e quando osservarlo a occhio nudo

  • Coronavirus, bollettino Emilia-Romagna: +38 casi, 24 trovati tramite screening

Torna su
BolognaToday è in caricamento