Lavoro nero in pizzeria, maxi-multa e attività sospesa

Il titolare dovrà pagare 20mila euro di sanzione. Cinque le persone a lavorare in nero

I Carabinieri della Stazione Bologna e gli Ispettori della Direzione Territoriale del Lavoro hanno sospeso l'attività a una pizzeria del centro storico, dopo alcuni controlli sul lavoro nero dei dipendenti negli esercizi commerciali.

Oltre allo stop è scattata una sanzione amministrativa di 20mila euro nei confronti di un 41enne napoletano, titolare di una pizzeria. Quella del lavoro nero è una piaga sociale nota negli ambienti bolognesi e per questo, i Carabinieri del Comando Provinciale di Bologna hanno deciso di incentivare i controlli con ispezioni a sorpresa nei confronti di qualunque tipo di attività lavorativa. Eventuali segnalazioni di lavoro nero possono essere comunicate telefonicamente al 112 o di persona presso le Stazioni dell’Arma dislocate nel territorio. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: fermato treno a San Ruffillo. Era un falso allarme

  • Coronavirus, sotto osservazione due persone in Emilia: le analisi al Sant'Orsola

  • Coronavirus: in Emilia Romagna chiuse scuole, asili e luoghi di cultura. Stop a eventi e manifestazioni

  • Coronavirus, due nuovi casi a Modena e uno a Piacenza. In Emilia-Romagna 26 in totale. Venturi: "Proporremo nostra metodica alle altre Regioni"

  • Coronavirus: 19 contagi in Regione, un caso anche a Modena. Migliaia di tamponi effettuati, attivo numero verde

  • Coronavirus, il sindacato scuola: "Sospendere attività fino all'8 marzo"

Torna su
BolognaToday è in caricamento