Lega a Bologna, centinaia in corteo e traffico in tilt: scontri fra polizia e collettivi

Tanti in marcia già dalla mattinata contro il raduno leghista in città: fumogeni e striscioni alla mano, centri sociali e collettivi sfilano per le strade. Circolazione in sofferenza in zona Ponte Stalingrado e viali

In centinaia, con fumogeni e striscioni, stanno manifestando già dalla mattinata contro il raduno della Lega Nord in città. Almeno tre i cortei non autorizzati avviati da collettivi e centri sociali per la città. Il clima si è fatto teso arrivando a registrae scontri fra agenti e collettivi. Nei tafferugli alcuni manifestanti sono rimasti feriti. La situazione più critica si è avuta in zona Porta Mascarella, tutto il traffico è stato bloccato a lungo dal corteo giunto da via Stalingrado. 

La città è stata blindata e bloccata: strade chiuse, servizi sospesi e bus deviati, per l'arrivo dei simpatizzanti del Carroccio.
Mentre Matteo Salvini, Luca Zaia e Roberto Maroni sostengono la Lega Nord contro Matteo Renzi, gli incontri fra collettivi e polizia si sono fatti testi con lanci di uova e tafferugli in prossimità del ponte di Stalingrado, verso Porta Mascarella. Poi i manifestanti si sono diretti verso via Zamboni. Anche qui si sono registrati momenti di tensione.

Almeno tre le contro-manifestazioni organizzate oggi in alternativa al comizio del Carroccio in piazza Maggiore. La prima, promossa appunto dall'insegna dello slogan "Difendere Bologna dall'invasione leghista", è rilanciata sul web dal centro sociale Crash e dai collettivi ad esso vicini come Cua, Cas e Social Log: i manifestanti si sono radunati alle 10 sul ponte Stalingrado, per "una giornata in cui invitiamo tutti e tutte allo sciopero, al chiudere le proprie attività e allo scendere in piazza contro il messaggio di odio di Salvini e dei suoi sodali". Una giornata di "opposizione sociale e di rifiuto del modello leghista, che affermi l'identità positiva e solidale di Bologna che tutti conosciamo e vogliamo difendere collettivamente", continua il comunicato.

Intorno alle ore 11.30 i manifestanti sono stati "chiusi" dalle forze dell'ordine sul ponte di Stalingrado, bloccati a Porta Mascarella. 

Alle 12 circa il corteo proveniente da Piazza XX Settembre ha "chiuso" a  sua volta la Polizia arrivando in Porta Mascarella dall'autostazione: qualche disordine e lanci di uova, giunti sul posto dei rinforzi. 

Dalle 10 anche in piazza XX Settembre si sono radunati alcuni attivisti, tra cui esponenti di Hobo, rispodnedo all'appello"Mai con Salvini - Bologna non si Lega. "Vogliamo che sia un luogo unitario e coordinato- recita il comunicato- con tanti soggetti e pratiche differenti e un unico obiettivo: rovesciare la paura contro chi la vuole creare, affermare con forza, determinazione e coraggio". Nello stesso appello, a seguito di un'assemblea che si è svolta nei giorni scorsi al Pratello, si riferisce anche che "per la giornata dell'8 novembre l'Anpi ha proposto di fare un cordone per proteggere il sacrario dei partigiani dalle camicie verdi-brune".

Infine, sempre per oggi, è indetta anche la mobilitazione 'Internazionale trash ribelle", che promuove l'evento "Aurelio ri-party", con palese riferimento all'episodio dello scorso novembre in via Erbosa, quando Salvini si trovò a diretto contatto con un gruppo di contestatori e si trovò costretto a sollecitare all'autista della sua auto (Aurelio, appunto) di allontanarsi.

ATTENTATO NELLA NOTTE. Già dalla notte le prime rappresaglie: alcuni cassonetti sono stati dati alle fiamme in via Emilia Levante e vicino ad una banca è stata trovata la scritta "banca dei poveri". Si sospetta che siano atti connessi con la manifestazione leghista. Sicuro collegamento c'è invece con il blitz incendiario alla rete ferroviaria, che ha mandato in tilt la circolazione dei treni: trovate sul posto delle scritte anti-razziste.

 

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Bologna usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ultraleggero precipitato ad Argelato: morto in ospedale il giovane pilota

  • Precipita con l'aereo, morto a 23 anni: chi era la vittima

  • Lizzano, trovato in un bosco lungo fiume: morto snowboardista 59enne

  • Musica a tutto volume nel condominio, i carabinieri gli staccano la luce

  • Perdita d'acqua in via Indipendenza, negozi allagati e disagi al traffico | VIDEO - FOTO

  • Al Maggiore primo intervento al mondo di asportazione di colon e fegato eseguito con robot

Torna su
BolognaToday è in caricamento