Colpito da leucemia a 22 anni: cure troppo care, l'affetto degli amici per salvarlo

A Tommaso è stata diagnosticata una Leucemia Linfoblastica Acuta. Le cure intraprese non hanno dato risultati. Esisterebbero delle terapie innovative, ma troppo onerose per la famiglia. Così gli amici hanno pensato ad un dono speciale

"Tommaso è sempre stato un ragazzo generoso ed ora ha bisogno di tutti noi".... per guarire. Così racconta un gruppo di amici di Tommy, colpito da leucemia a soli 22 anni. Per curarlo esisterebbero delle terapie all'avanguardia, ma troppo onerose da affrontare per la famiglia. Da qui l'idea dei suoi cari per un dono speciale.
Si tratta di una raccolta fondi, effettuata con l'appoggio della Associazione Onlus Don Orfeo Giacomelli di Imola, e promossa attraverso un sito web (www.giftsfortommaso.org) , una pagina facebook e un video, nel quale gli amici di Tommaso ci mettono faccia e cuore, raccontando la sua storia.

"Tommaso ha 22 anni, ama giocare a calcio, andare sulla propria bicicletta e fare la pasta fresca" - racconta il gruppetto di giovani. Lo scorso gennaio era in partenza per gli Stati Uniti per insegnare a fare la pasta. Pochi giorni prima di partire, gli è stata diagnosticata una Leucemia Linfoblastica Acuta a seguito della quale è stato ricoverato presso l’Ospedale Sant’Orsola di Bologna nel reparto di ematologia.

Fin dai primi giorni di ricovero, Tommaso è stato sottoposto a chemioterapia e in seguito a terapie sperimentali. "Sfortunatamente - continuano a raccontare gli amici di Tommy tutte le terapie seguite non hanno dato alcun risultato. Oggi, pero',  sono disponibili terapie innovative presso l’Ospedale dell’Università della Pennsylvania a Philadelphia. Qui, il Dottor Carl June guida un team che ha ottenuto ottimi risultati utilizzando una terapia sperimentale chiamata CAR-T cell". Il team del Dottor Carl June si sarebbe offerto di garantire gratuitamente la terapia sperimentale a Tommaso, tuttavia l’Ospedale richiede un pagamento anticipato di 600.000 US$. Costi sono proibitivi per la famiglia.

Il tempo è limitato e Tommaso deve cominciare la terapie sperimentali entro i primi giorni di luglio. "Speriamo - chiosano gli amici - di raccogliere la cifra richiesta nel più breve tempo possibile e cominciare questa terapia innovativa. Ringraziamo tutte le persone speciali che ci sono state vicine in questi mesi e quelle che aiuteranno Tommaso offrendo un contributo per la terapia di cui ha bisogno".

tommaso-2

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Auto a fuoco, morta giovane donna e Porrettana chiusa al traffico per ora

  • Il centro di Bologna diventa il set di "Diabolik": cambia la viabilità

  • Indagine sugli adolescenti bolognesi: l'80% ama la città, ma emergono aspetti 'preoccupanti'

  • Lutto nel mondo della moda, morta Giorgia Mattioli

  • I 10 eventi da non perdere questo weekend

  • Incidente a San Lazzaro: centauro ferito, caccia all'auto pirata

Torna su
BolognaToday è in caricamento