Accadde nel 1945: attacco finale alla Linea Gotica

Liberazione di Anzola Emilia, Budrio, Casalecchio di Reno, Monte San Pietro, Pianoro, Valsamoggia e Zola Predosa, tutto immortalato dagli americani

Casalecchio

20 aprile 1945, attacco finale alla Linea Gotica, nel settore appenninico della V Armata americana, iniziato il 14 Aprile con un bombardamento delle posizioni difensive tedesche sull’Appennino bolognese, schierate tra le valli del Savena e del Samoggia. Una “combat camera unit” (unità di foto e cineoperatori di guerra americana) ha ripreso l’arrivo di unità corazzate della 6^ Divisione sudafricana e della 91^ Divisione di fanteria americana che entrano a Casalecchio, da sud, avanzando lungo la Porrettana.

Le linee tedesche si articolavano tra Livergnano (Pianoro) e Castel d’Aiano. L’obiettivo alleato era conquistare l’accesso alla Pianura padana risalendo le due importanti vie di comunicazione, la SS 64 Porrettana e la SS 65 Futa. In quei giorni l’abitato di Casalecchio diventa immediata retrovia del fronte tedesco e via di sbocco principale dell’avanzata alleata verso nord. Già pesantemente colpita dai bombardamenti dei mesi precedenti, la cittadina subisce un ultimo e devastante bombardamento aereo alla vigilia della Liberazione. L’importanza del nodo stradale di Casalecchio è tale che tra il 20 e il 21 Aprile 1945 l’intero II Corpo d’Armata americano lo raggiunge e lo attraversa velocemente per continuare l’inseguimento del nemico in rotta verso il Po, in direzione nord-ovest e scavalcando la città Bologna, che infatti sarà liberata da altre unità, provenienti da est, solo il 21 Aprile 1945. 

Casalecchio venne quasi completamente devastata dopo 41 bombardamenti, che le sono valsi l'appellativo di Cassino del Nord, e il riconoscimento al Gonfalone di Casalecchio di Reno della Medaglia d'Oro al Merito Civile da parte del Presidente Ciampi il 25 aprile 2003. (fonte: Comune Casalecchio)

Dal 19 aprile, il Sacrario dei Caduti partigiani di Piazza Nettuno è dotato di QR Code. Inquadrando il codice si possono visualizzare le storie dei Caduti e delle oltre 23 mila persone che parteciparono alla Resistenza nell'area metropolitana di Bologna.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Grave lutto per Cesare Cremonini: morto il papà Giovanni

  • Lutto all'Alma Mater: morto a 94 anni Alfonso Traina, professore emerito, filologo e latinista

  • Funerale Giovanni Cremonini, in centinaia per l'ultimo saluto al babbo di Cesare

  • Piazzola sospesa per due giorni, gli ambulanti protestano

  • Incidente a Budrio: schianto tra auto alla Riccardina

  • Esce di casa e non torna, trovato di notte nel fiume

Torna su
BolognaToday è in caricamento