Lucio Dalla, intervista al cugino: 'Non era Marco Alemanno il suo compagno'

Simone Baroncini, il familiare più vicino a Dalla, annuncia il silenzio stampa imposto dal curatore, ma si lascia andare a qualche confidenza: "Ora mi vedo con Marco, dette falsità su di lui..."

Simone Baroncini, cugino di primo grado di Lucio Dalla, apre l’intervista premettendo “Il curatore testamentario mi ha chiesto di rispettare, da oggi, il silenzio stampa per poterlo far lavorare in tranquillità”. Infatti in queste ore si lavora al censimento dell'enorme eredità lasciata dal cantautore, alla ricerca di un eventuale testamento e si discute di una fondazione a suo nome.
Ma in Baroncini la voglia di parlare di un “cugino di cui è orgoglioso, un genio della musica del nostro secolo” è tanta, soprattutto se si tratta di smentire alcune “voci” insistenti e polemiche che hanno riempito le pagine dei giornali “mancando di rispetto” a un sentitissimo lutto per l’Italia intera.

LEGGI ANCHE: INTERVISTA ALLA EX DI ALEMANNO

EREDITA': Spunta padre illegittimo. Nuovi eredi?

Vi frequentavate molto lei e Dalla? Come ha vissuto l’affetto che Bologna ha dimostrato a Lucio? A periodi, compatibilmente con le nostre tournee, visto che anche io lavoro nella musica, anche se classica. Siamo andati spesso in vacanza insieme e abbiamo vissuto sotto lo stesso tetto per mesi. Avremmo dovuto lavorare insieme alla Carmen…Personalmente sono letteralmente impazzito per l’incredibile sincerità della gente, che ha riempito la Piazza di emozioni. Questo era Lucio.

Quali gli sviluppi attorno alla Fondazione? Alemanno avrà un ruolo al suo interno?Non è ancora un discorso netto, c’è molta energia attorno al progetto e ci piace molto l’idea. E’ una cosa che richiede del tempo ed è presto per parlarne, ma direi che Marco Alemanno non avrà il compito di gestire le attività della Fondazione”. A proposito di Marco Alemanno, è a Bologna? “Certo, lui vive a casa di Lucio, in via D’Azeglio. Ci vediamo proprio adesso per un cappuccino insieme”.
Come commenta le polemiche nate dall’ancora solo presunta omosessualità di Lucio Dalla? “Lei è di Bologna? – risponde con una domanda Baroncini - E sa con certezza che Lucio fosse gay? L’ho visto spesso con delle donne, mentre pur essendo stato in vacanza con lui alle Tremiti (anche con Marco Alemanno) non ho mai notato più di un profondo affetto fraterno, anzi, paterno da parte di mio cugino nei confronti dell’amico e collega.

Un senso del privato che conferma anche Paolo Pagani (Trattoria da Vito ndr), amico da sempre: “Gelosissimo della sua sfera privata, non ha mai ostentato le sue preferenze neppure con gli amici più cari. Io stesso non potrei dire nulla sui suoi amori”. Ma allora da dove nasce la voce che Lucio fosse omosessuale? “Dal fatto che nella sua vita ha convissuto spesso con degli uomini, come fu per Ron e come era fino a qualche giorno fa con Marco, che ha sempre presentato come amico. "Fra l’altro Alemanno è fidanzato con una ragazza. Non l’ha vista la giovane donna che gli stava al fianco durante i funerali?” dice il cugino Baroncini.

Pensi non avesse scritto alcun testamento? Chiediamo sempre a Paolo. “Non direio. Era in ottima salute e non credo l’abbia mai sfiorato il pensiero di lasciarci così giovane. E’ nell’uomo occidentale d’altronde, pensare solo alla morte altrui”.

Sul sentimento religioso di Dalla nessuno ha dubbi: “Era sinceramente e profondamente religioso, anche se non “bigotto”- racconta l’amico – e questo da sempre”. Adesso basta sporcare il suo nome con l’invasione della sua privacy”.
 

 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (9)

  • Avatar anonimo di Luna75
    Luna75

    Sono d'accordo sul fatto si tratti di inutili polemiche e/o chiarimenti sulla vita privata di un Artista sul quale ora si solleva una curiosità che non c'è mai stata prima. Comunque niente cambierebbe la nostra profonda ammirazione  e l'affetto sincero che tutti nutrono per lui. Io credo piuttosto, lasciatemelo dire, che sia però anche un pò sconveniente rilasciare queste dichiarazioni sulla presunta compagna come a voler sviare o disconfermare creando ancora più malsana curiosità: mi è capitato di vedere un vide su Youtube in cui delle persone cercano di entrare in chiesa dalla porta laterale, tra queste c'è anche la presunta compagna che tenta di entrare come una perfetta sconosciuta e ci riesce a malapena, strano, dato che poi fosse al fianco di Marco in chiesa mentre mancava dietro al feretro. Certo, le spiegazioni possono essere tante, però...pensassero a diffondere il verbo di Dalla.

    • Avatar anonimo di meritocrazia
      meritocrazia

      dalla certamente e' stato una che di emozioni musicali ne ha lasciate aiosa. non capisco perche la gente nonpossa rimanere interessato alla sua vita privata. e' umiliante per il genere umano porsi se e' giusto o meno sapere cosa accadeva sotto le lenzuola di un personaggio pubblico.cazzi suoi. io personalmente penso che lui fosse attratto molto dai bei giovani poi se avessere altresi' un inclinazione a lui sono cose di ordinaria esperienza. in un personaggiopubblico tutto e' magafonato il bene e il male qualora vi fossero tali prerogative. io faccio il cantautore ma per la gente non lo sono perche cio' che faccio massimo viene guardato dal dirimpettaio. pero un giorno fui invitato nello studio di dalla nel 1986 rimase meravigliato e complimentoso per la mia musica, ci andai con mio fratelo un bel giovanotto arrapante di 26 anni. dopo quell'incontro mi continuava a telefonare a casa,c'erana ancoras i fissi e chiedeva il nome di mio fratello in fine dopo tanto ostinazione nel rivederci gli dissi che mio fratello l'aitante e bel giovinotto non c'entrava nulla con la mia musica benche solo come mio accompagnatore. io da allora non l'ho piu' sentito telefonicamente e n'e' un certo presidente della cbs di milano. gli telefonai io e dopo presentatomi esordi dicendo? : ma uno non e' che debba fare per forza il cantautore. ci si poteva fare anche il carpentiere.il cameriere,il muratore e via. capii molto in ritardo che se fossi stato fisicamente come mio fratello oggi di sicuro sarei al posto o di luca carboni o di ron. ho detto tutto diceva toto'.

  • Un altro articolo pubblicato su questo giornale mette in altra luce questa affermazione del cucino, che cito: Lucio Dalla, parla il cugino Simone Baroncini: 'Non era Alemanno il suo compagno' „L'ho visto spesso con delle donne, mentre pur essendo stato in vacanza con lui alle Tremiti (anche con Marco Alemanno) non ho mai notato più di un profondo affetto fraterno, anzi, paterno da parte di mio cugino nei confronti dell'amico e collega.“ Lucio Dalla, parla l'ex compagna di Marco Alemanno: 'Basta strumentalizzare' „Baroncini, il cugino di Dalla, ci ha detto che la ragazza al fianco di Marco è la sua fidanzata. Altri dicono sia la sorella…Chi è? Non è la sorella di Marco. Io so semplicemente che è una sua amica.“ Trovate questa intervista a questo indirizzo: http://www.bolognatoday.it/cronaca/lucio-dalla-marco-alemanno-compagna.html Viene da chiedersi se il cugino sia in qualche modo interessato, se abbia forse una motivazione che lo spinga a dire che il rapporto tra Lucio Dalla e Marco Alemanno è stato un rapporto di collaborazione arrichito da un profondo affetto fraterno o paterno. La mia è giusto una domanda, non un'affermazione... E condivido sempre la posizione di un altro lettore: se si fosse trattato di una convivente di Lucio Dalla non vi sarebbe stato questo putiferio. Forse avrebbero sottilizzato sulla differenza d'età. Ma vogliamo finalmente lasciare a ognuno la sacrosanta libertà di vivere l'amore secondo il suo cuore e secondo la sua intima natura?

  • Avatar anonimo di claus
    claus

    di Lucio si deve parlare come artista. Basta con tutti questi commenti sulla sua privata. Alla gente piace ricordarlo come grande poeta e musicista.

  • Avatar anonimo di eddi
    eddi

    Sarebbe bellissimo che la casa dove Lucio viveva venisse trasfomata in museo. Si potrebbero visitare così le stanze dove componeva, vedere il suo pianoforte, le foto, sentire  la sua presenza...

  • Avatar anonimo di remo
    remo

    "Adesso basta sporcare il suo nome con l'invasione della sua privacy“ assurdo! se si Vendola post mortem si direbbe che era eterosessuale nessuno andrebbe blaterando di assurde sporcature del nome. Ora che di Dalla si sa che era gay, si vuole far passare il tutto per una leggenda fondata solo sul fatta che "convivesse" per lunghi periodi con uomini

    • Bravo! Due pesi e due misure, in questa discussione. Potrebbe essere utile chiedersi perché ci siano due pesi e due misure...

  • si continua a fare polemiche,pettegolezzi inutili,la gente che vuole per forza mettere il naso sulla quello che era il nostro bravo e sensibile poeta,Lucio è stato e sarà sempre per chi come me amava la sua musica,un grande,lui che aveva il complesso della sua statura,lui che era un semplice,ora che non è più fra noi,pensiamo che la sua scomparsa,così prematura ha lasciato un vuoto grande,in compenso ci ha lascito le sue canzoni che sono senza tempo,Lucio,un piccolo grande uomo!

  • Avatar anonimo di Germana
    Germana

    Ma...speriamo che trovino un testamento.oppure che le volontà espresse oralmente ,in pubblico e a persone degne di stima,possano assumere eccezionalmente valore di testamento olografo.in questo caso in mancanza di eredi diretti ,si dovrebbe tener conto anche della convivenza.a me interesserebbe che i conviventi anche se due amiche o due sorelle,potessero essere considerate come coniugi...ma sr ne parla tanto ma nulla accade.

Notizie di oggi

  • Incidenti stradali

    Incidenti in A13, tamponamenti a catena: coinvolti mezzi pesanti, tratto chiuso

  • Cronaca

    Bambini picchiati e minacciati all'asilo di Imola: "Se lo dici ti prendo e ti attacco al soffitto"

  • Cronaca

    Imola, ammanettato reagisce ai Carabinieri: "Vi ammazzo, ho già un precedente per tentato omicidio”

  • Cronaca

    Terzo colpo alla Cae di San Lazzaro: "In azione un commando di 7 persone"

I più letti della settimana

  • Nuova apertura in città: sotto le Due Torri la catena di supermercati Alì

  • Pestati dal gruppo, tassista e spazzino in ospedale: "Colpito con calci, pugni e spranga"

  • Nuova apertura a Bologna, arriva la birreria bavarese Löwengrube

  • Neve in arrivo e temperature giù, in campo spazzaneve e spargisale

  • Allerta meteo: neve in arrivo, spargisale in azione

  • Vincita da 500mila euro a Ozzano: "Felicissimo Natale al nostro fortunato cliente"

Torna su
BolognaToday è in caricamento