Anzola: centrale della Coop in ostaggio dei Cobas dalle 7 di stamattina

Una sessantina di manifestanti sta bloccando il magazzino Centrale Adriatica impedendo il transito dei mezzi pesanti. Sono in corso le discussioni vigilate dai Carabinieri

Sono all'incirca una sessanta i manifestanti, per la maggiore appartenenti ai Cobas, che stanno bloccando da questa mattina gli accessi della Centrale Adriatica Coop ad Anzola Emilia. La protesta, con bandiere e striscioni, davanti al deposito sulla via Emilia, è cominciata verso le 7 e viene impedito il passaggio in entrata e in uscita dei mezzi pesanti. Il magazzino di Anzola rifornisce diversi punti vendita Coop nel nord e nel centro Italia. Sono in corso discussioni e confronti: dall'azienda viene fatto sapere che si tratterebbe di terzisti, non di dipendenti della Coop. Sulla manifestazione vigilano i Carabinieri.

Il blocco da parte dei lavoratori, in gran parte stranieri, iniziato all'alba, è proseguito durante la mattinata. Decine di autotrasportatori che devono rifornirsi della merce, impossibilitati a farlo, sono con i camion fermi nel piazzale davanti al magazzino. La manifestazione è organizzata dai Si-Cobas, lo stesso sindacato della protesta all'Ikea di Piacenza. I facchini contestano il nuovo contratto che in parte li assorbirà in una nuova cooperativa, la Aster coop, a condizioni a loro avviso peggiorative. Prosegue una trattativa tra una delegazione di manifestanti e l'azienda.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lizzano, trovato in un bosco lungo fiume: morto snowboardista 59enne

  • Musica a tutto volume nel condominio, i carabinieri gli staccano la luce

  • Perdita d'acqua in via Indipendenza, negozi allagati e disagi al traffico | VIDEO - FOTO

  • Via de Carolis: esalazioni sulle scale, palazzina evacuata e dieci intossicati

  • Diodato canta a sorpresa "Fai rumore" sotto i portici di via Oberdan

  • Incidente a Castenaso: scoppia una gomma, schianto frontale e due feriti

Torna su
BolognaToday è in caricamento