Lutto in Bolognina, se ne va "Max", il mitico oste di "Nonna Aurora"

Colto da malore nella notte, è stato operato d'urgenza all'ospedale Maggiore di Bologna, ma non ce l'ha fatta

Via Facebook

"Vorrei scrivere qualcosa, ma non mi vengono le parole... ciao amico mio".  Sono questi i commenti che rimbalzano in rete, dopo che in mattinata si è saputo della tragica e prematura scomprasa di Massimiliano Max Franchini, il simpatico e disponibile oste de "Le golosità di nonna Aurora", quartiere Navile. Max "Dynamite", come usava chiamarsi sui social, se ne è andato a 46 anni, durante la notte, all'ospedale Maggiore.

Il suo locale, aperto con la madre Aurora, è tuttora un vero e proprio presidio del gusto in Bolognina, e frequentatissimo. Tifosissimo del Bologna, da Max e Aurora erano soliti trovarsi molti personaggi dell'ambiente calcistico rossoblù.

Max aveva accusato un malore nella serata di ieri, ed era stato trasportato all'ospedale dove si è deciso di operarlo. Proprio nella notte sono cominciati a spuntare vari messaggi nelle bacheche dei social, e si è temuto il peggio, peggio che è arrivato nelle prime ore di oggi. Amici e amiche si stanno stringendo in queste ore, accanto ai familiari e alla moglie Irina.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: fermato treno a San Ruffillo. Era un falso allarme

  • Coronavirus, sotto osservazione due persone in Emilia: le analisi al Sant'Orsola

  • Coronavirus: in Emilia Romagna chiuse scuole, asili e luoghi di cultura. Stop a eventi e manifestazioni

  • Coronavirus: 19 contagi in Regione, un caso anche a Modena. Migliaia di tamponi effettuati, attivo numero verde

  • Coronavirus, il sindacato scuola: "Sospendere attività fino all'8 marzo"

  • Incidente tra Bologna e Zola: scontro scooter-Suv, morto il centauro

Torna su
BolognaToday è in caricamento