Medicina: si ubriaca, picchia tutti e danneggia il bar

Un uomo ha dato in escandescenza fino all'arrivo dei militari

Momenti di tensione ieri sera in un bar di Medicina, dove un uomo è stato arrestato, dopo aver dato in escandescenze, visibilmente ubriaco. Si tratta di un leccese di 51 anni. L'uomo, di professione operaio, avrebbe dapprima mostrato insofferenza verso chiunque si rivolgesse a lui, comportamento poi sfociato in insulti sessisti nei confronti delle bariste e minacce agli altri avventori.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sono seguiti momenti di tensione crescente, culminati con la rottura di bicchieri e suppellettili della tavola fredda. Quando uno degli avventori ha preso il telefono per chiamare il 112, il 51enne con un colpo lo ha mandato in mille pezzi. Arrivata la pattuglia gli animi non si sono calmati: l'uomo ha inizato anche a prendersela con le divise, culminando in spintoni pugni e calci indirizzati verso i militari. Alla fine il 51enne è stato bloccato e messo in sicurezza dentro la pattuglia. Per lui le accuse sono di danneggiamento, minacce, violenza e lesioni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus Emilia-Romagna, bollettino 23 maggio: +43 positivi, 193 guariti e calo dei casi attivi

  • Al fiume con gli amici, scompare tra i flutti: ragazzo trovato morto nel fiume Idice

  • Offerte lavoro Bologna fisso mensile

  • Bollettino covid oggi: a Bologna (quasi) la metà dei nuovi contagi e decessi registrati in Regione

  • Nuova ordinanza Bonaccini: da lunedì aprono centri sociali, circoli, parchi tematici e riprendono gli stage

  • Spostamenti tra regioni in dubbio, Bonaccini: "Prudenza alta, si rischia la chiusura" 

Torna su
BolognaToday è in caricamento