Migranti: Bologna pronta ad ospitare ancora, ma invoca aiuti

L'Assessore al welfare Rizzo parla di boom di arrivi all'hub di via Mattei. Per svoltare sul tema dell'accoglienza? Incentivi e libertà di assumere

Se altre ondate di migranti arriveranno a Bologna "non ci tireremo indietro, ovviamente nei limiti delle possibilità", sottolinea l'assessore comunale al Welfare Luca Rizzo Nervo, che da un lato ribadisce l'"appello" ai municipi dell'hinterland a fare "la propria parte"; dall'altro invoca aiuti governativi per Palazzo D'Accursio.

"Abbiamo risposto con numeri importanti a prescindere dagli incentivi, ma certamente questi segnerebbero una svolta. Tanto i cinque centesimi per migrante ma ancora più le deroghe al tetto per le assunzioni degli assistenti sociali in una situazione in cui il sistema è già molto provato sarebbe sicuramente un segnale".

L'assessore ha parlato del boom di arrivi di profughi all'hub di via Mattei in diretta con Radio Citta'' del Capo. "Quando si arriva all'estate, il momento di massima pressione per gli arrivi dei migranti, c'è la tendenza ad accorgersi di un problema che Bologna vive nella quotidianità", osserva Rizzo Nervo. "Ma la città e il suo sistema dell'accoglienza- assicura l'assessore- si sono attrezzati per tempo in modo strutturale e a questo momento di arrivi sta rispondendo in modo importante. Certo, numeri così importanti mettono sempre alla prova".

Da quando c'è l''ub al posto del Cpt sono oltre 16.000 i migranti passati da Bologna, 6.000 solo quest''anno. A livello di seconda accoglienza la città dispone invece di circa 300 posti, 150 per adulti e 168 per minori.

Per aumentare la possibilità di accoglienza servirebbe una mano anche da altri Comuni metropolitani. "Non io- sottolinea in proposito Rizzo Nervo- ma il prefetto ha richiamato a raccolta i sindaci dei Comuni dell'area metropolitana". La richiesta, per loro, è di "fare la propria parte" e dare vita ad uno "sforzo supplementare, anche per salvaguardare una modalità che finora qui ha funzionato", cioe'' col coinvolgimento degli enti locali al posto del rapporto diretto tra Prefetti e gestori.

Non drammatizza la nuova ondata di arrivi Giacomo Rossi, direttore dell'hub di via Mattei. "Non stupisce, è qualcosa di analogo a quello che si è visto nello stesso periodo dell'anno scorso", ha detto sempre a Radio Città del Capo. (agenzia Dire)

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid -19: dove e come fare il test sierologico a Bologna

  • Coronavirus, bollettino 29 maggio Bologna e provincia: la situazione comune per comune

  • Bonus bici elettriche e monopattini: chi può chiedere i 500 euro

  • Coronavirus, bollettino Emilia Romagna: +24 casi e ancora 8 decessi

  • Mercurio dà spettacolo: come e quando osservarlo a occhio nudo

  • Coronavirus, bollettino Emilia-Romagna: +38 casi, 24 trovati tramite screening

Torna su
BolognaToday è in caricamento