Minacce a dirigenza, parla Saputo: 'Episodio disgustoso'

Intanto i tre dirigenti hanno proceduto a denuncia individualmente. Ipotesi cane sciolto

"Un episodio disgustoso". Così in una nota il presidente del Bologna Fc Joey Saputo commenta le tre croci lapidarie comparse l'altro giorno sui prati del centro tecnico di Casteldebole. Tre croci con iscritto il cognome di ognuno dei tre membri di spicco della dirigenza Rossoblu, ovvero l'ad Claudio Fenucci, il ds Riccardo Bigon e il manager (ed ex) Marco DI Vaio.

"Mai avrei pensato -continua Saputo- che in una città come Bologna potessero verificarsi episodi del genere, non concepirò mai che si possano arrivare a minacciare tre persone per uno sport".

Intanto, i tre dirigenti destinatari del gesto intimidatorio hanno proceduto a denunciare singolarmente per minacce e sul caso stanno indagando i Carabinieri. Una delle ipotesi è che il gesto non sia stato organizzato da una frangia organizzata del tifo (ieri uno dopo l'altro tutti i settori della curva si sono dissociati dal gesto, ndr) ma sia l'opera di un cosiddetto 'cane sciolto'.

Potrebbe interessarti

  • La mappa degli outlet a Bologna: dove fare ottimi affari

  • Accadde oggi: il 24 giugno crollò la Rupe di Sasso

  • SuperEnalotto, in Emilia sfiorato jackpot più alto del mondo

I più letti della settimana

  • Possibili temporali in arrivo, diramato bollettino di allerta dalla protezione civile

  • Aeroporto, volo Bologna-Kos, passeggeri: "A terra da 12 ore come ostaggi virtuali"

  • Maltempo, grandine in provincia: strade chiuse, auto distrutte e finestre in frantumi

  • Maltempo e grandine: "crivellate" le finestre di via Natali e via Weber

  • Accadde oggi: il 24 giugno crollò la Rupe di Sasso

  • A Bologna il migliore è il Forno Brisa: si aggiudica 3 "pani" Gambero Rosso

Torna su
BolognaToday è in caricamento