Gli amici di Davide Fabbri contestano Minniti: "Lui, un morto di serie B"

Uno striscione con scritto 'Davide sei un eroe' e frasi di contestazioni rivolte al ministro in visita nella zona rossa: "Andate via, andatelo a cercare"

Oggi il ministro dell'Interno Marco Minniti è in visita in quella che è ormai nota a tutti come "zona rossa", l'area battuta da ormai 20 giorni dalle forze dell'ordine per la caccia al killer di Davide Fabbri e Valerio Verri.

Giunto a Budrio Minniti è stato contestato dagli amici del barista ucciso Davide Fabbri, ancora evidentemente scossi e addolorati per il cruento omicidio, epilogo di una rapina conosciuta male al Bar Gallo di Riccardina di Budrio: "Andate via - hanno urlato tenendo in mano un cartello con la scritta Davide sei un eroe - e cercate l'assassino. Davide è un morto di serie B". 

GUARDA IL VIDEO DELLA CONTESTAZIONE

VIDEO AMICI DAVIDE FABBRI-2

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (2)

  • Avatar anonimo di Monica
    Monica

    Se solo penso che le forze dell'ordine hanno dovuto abbandonare le ricerche o tralasciare cose più gravi per 'sto buffone che era meglio se ne stesse a Roma, non può che salirmi la bile

  • Questi non li potete censurare.....

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Proiettile bulgaro in una cava: Igor potrebbe esser il killer del metronotte

  • Cronaca

    Fine lavori, ecco la nuova Piazza Aldrovandi: 'Dal 6 maggio iniziative culturali'

  • Politica

    Primarie Partito Democratico: urne aperte domenica 30 aprile

  • Sport

    Atalanta-Bologna 3-2 | L'orgoglio non basta, decide Caldara

I più letti della settimana

  • Crevalcore: travolta dal treno, muore una donna

  • Allarme bomba in Piazza Nettuno: fatto brillare zaino abbandonato

  • Incidente auto/moto sull'Adriatica: le vittime sono due bolognesi

  • Incidente a Castenaso: schianto in moto, morto 29enne

  • Incidente in A14: un morto, traffico bloccato

  • Ricerche killer di Budrio, medicine e accessi internet sotto la lente

Torna su
BolognaToday è in caricamento