Settimana della mobilità: in arrivo anche Mobike elettriche

In programma dal 16 al 22 settembre, Priolo: dialogo con città europee sul tram

E-bike, macchine elettriche, mezzi pubblici green oppure una salutare camminata: è questa la ricetta della Bologna del futuro che si muove a grandi passi verso la mobilità sostenibile. Un obiettivo che torna al centro del dialogo cittadino con la Settimana Europea della Mobilità, prevista in città dal 16 al 22 settembre.

Arricchita, proprio sabato, da un esordio assoluto: in piazza Maggiore infatti debutteranno in anteprima europea 300 mobike a pedalata assistita. Perfettamente in linea con il tema scelto per questa edizione, "La mobilità sostenibile: camminare e pedalare a Bologna".

"Questa è un'occasione per rilanciare l'idea che ognuno di noi può fare qualcosa per invertire la tendenza e promuovere la sostenibilità", dice il consigliere alla Mobilitaà della Città Metropolitana, Marco Monesi. Durante la settimana presentazioni, talk e stand animeranno il nuovo Laboratorio aperto, il cortile Guido Fanti di Palazzo D'Accursio e l'auditorium Enzo Biagi.

Ogni giornata punterà i riflettori su uno specifico argomento: si partirà dall'economia green per poi affrontare gli stili di vita salutari, l'accessibilità della città, la sicurezza stradale e infine le future trasformazioni di Bologna. A una di queste, il tram, è dedicato l'incontro di venerdì con i progettisti della linea di Bordeaux e di Dublino, come sottolinea l'assessore alla Mobilità del Comune, Irene Priolo.

Nel weekend invece i protagonisti diventeranno i portici bolognesi, a cui saranno dedicate conferenze e camminate per celebrare la candidatura a Patrimonio Unesco. Tutte da affrontare con le borracce plastic free distribuite sabato in piazza Maggiore. Per i pigri ci sono i mezzi Tper: domenica infatti sarà possibile girare tutto il giorno con un unico biglietto. La Settimana Europea della Mobilità è realizzata dal Comune, dalla Città Metropolitana e dalla Fondazione per l'Innovazione urbana in collaborazione con un'ampia rete di partner.

Due dei più importanti sono Hera e Tper, al lavoro su soluzioni per aumentare la sostenibilità ambientale e la cosiddetta 'economia circolare'. I primi hanno installato 20 colonnine elettriche e hanno lanciato il biometano 100% rinnovabile ottenuto con i rifiuti organici. Al momento, oltre ai privati, lo utilizzano già 20 taxi e quattro autobus del servizio cittadino. Tper invece ha sviluppato l'app Roger per aiutare i bolognesi a scegliere il mezzo pubblico più adatto, con orari e ticket online, e punta forte sul car sharing "Corrente", con macchine elettriche a flusso libero non solo a Bologna ma anche a Casalecchio e Ferrara. (Dire)

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Bologna usa la nostra Partner App gratuita !

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Auto a fuoco, morta giovane donna e Porrettana chiusa al traffico per ora

  • Non solo massaggi al centro estetico: blitz dei Carabinieri a Pianoro

  • Gianni Morandi racconta il dolore per la perdita della figlia

  • Maxi furto al bar: si finge acquirente e ruba 200mila euro di diamanti

  • Incidente sulla Statale: schianto tra auto, morta una donna

  • Morto in solitudine, gli amici si mobilitano per trovare i parenti: "Ivan se lo meritava"

Torna su
BolognaToday è in caricamento