Montagnola, la fiaccolata anti-degrado: tensione sulle scale del Pincio

Dopo la rapina subita dalla troupe di Striscia la Notizia lo stato del parco cittadino è diventato argomento ancora più 'caldo'. Ieri sera il gruppo civico di Manes Bernardini ha organizzato un presidio

Il Parco è totalmente in mano all'illegalità e il servizio di Striscia la Notizia lo ha messo davanti agli occhi di tutti. Qui ci vuole un presidio. Noi come forza civica siamo qui senza simboli per vedere una Bologna migliore e chi non è venuto ha perso un'occasione" queste le parole di Manes Bernardini, che con Insieme Bologna ha organizzato ieri sera una fiaccolata anti-degrado proprio nel parco cittadino. Il presidio è stato tranquillo, ma alla fine un piccolo scontro verbale tra un manifestante e un ragazzo che sostava in zona Piazza XX Settembre ha creato un po' di tensione. 

MONTAGNOLA FRAME-2

LA 'RICETTA DI MEROLA PER LA MONTAGNOLA'. Più controlli da parte delle Forze dell'ordine e nuove attività "che portino un pubblico diverso, come si e' gia' fatto, ad esempio, in piazza Verdi". Questa, spiega alla 'Dire' il sindaco di Bologna Virginio Merola, la ricetta concordata nella riunione odierna del Comitato per l'ordine e la sicurezza pubblica, dedicata espressamente alla situazione del parco della Montagnola, al centro di polemiche per i problemi legati allo spaccio di droga e, nell'ultima settimana, anche per l'aggressione a una troupe di 'Striscia la notizia'.

All'incontro, che il sindaco definisce "positivo", hanno partecipato anche i rappresentanti dei genitori della scuola Giaccaglia-Betti, che si trova all'interno del parco, e delle associazioni, come Arci e Antoniano, che gestiscono una serie di attivita' in Montagnola. Una presenza "molto utile", secondo Merola, che al termine della riunione in Prefettura spiega che oggi "si e' concordato di intensificare la gia' notevole presenza delle Forze dell'ordine, che seguira' un piano prestabilito giornaliero", e di "convocare d'urgenza una Conferenza dei servizi con la presenza della Soprintendenza, perche' e' intenzione del Comune accompagnare lo sforzo ulteriore delle Forze dell'ordine installando al piu' presto nuove attivita' che portino un pubblico diverso". 

BIGNAMI: "QUI CI VUOLE L'ESERCITO". Porte chiuse, invece, alla proposta, avanzata ieri dal capogruppo di Forza Italia in Regione, Galeazzo Bignami, di un presidio dell'Esercito 24 ore su 24 all'interno del parco. Un'idea che Merola liquida con una battuta: "l'Esercito- dice infatti il sindaco- festeggiamolo il 4 novembre, in Montagnola stanno lavorando seriamente le Forze dell'ordine e la Polizia municipale", e in ogni caso, anche se i controlli saranno intensificati, si trattera' di "controlli giornalieri e non di postazioni fisse". Questo perche', secondo il sindaco, "la presenza costante e' molto piu' efficace dello stare fermi in un punto". Infine, Merola spiega di aver apprezzato in modo particolare "il fatto che oggi i rappresentanti dei genitori abbiano detto che questa situazione non si risolve solo con l'ordine pubblico, ma che e' importante coinvolgere la comunita'". Ecco perche', conclude il primo cittadino, "dalla prossima settimana cominceremo a dire, dopo esserci consultati con le associazioni dei genitori, quali sono le nostre ipotesi sulle attivita' da installare" in Montagnola. (Dire)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scambia la moglie per un ladro e chiama i Carabinieri

  • Ubriaca sul davanzale, cade giù dal terzo piano

  • Esce di strada, l'auto finisce nel canale: c'è un morto

  • Ozzano, maxi rissa davanti a locale: spunta un coltello, 2 feriti

  • Perturbazione meteo, previsione nevicate: Autostrade mette in guardia

  • Neve in arrivo, non solo in Appennino: "Fiocchi anche in collina e possibili sorprese in pianura"

Torna su
BolognaToday è in caricamento