Furto lapide a monumento vittime Uno Bianca, ritrovata la targa

IL rinvenimento a Budrio da parte di due Carabinieri fuori servizio

È stata ritrovata dai Carabinieri della Stazione di Budrio la targa commemorativa rubata qualche giorno fa dal monumento del Parco di Viale Lenin a Bologna, eretto in ricordo delle vittime civili e militari cadute sotto il piombo della “Banda della Uno bianca”.

Il ritrovamento è avvenuto ieri sera, da parte di un paio di Carabinieri liberi dal servizio e in sella alle loro biciclette che stavano percorrendo via Guglielmo Marconi. Giunti all’altezza del civico 18, i due militari si sono accorti che sul margine destro della carreggiata c’era un oggetto in ottone in stato di abbandono.

Non appena si sono avvicinati per verificare cosa fosse, i due Carabinieri hanno capito che si trattava della targa commemorativa trafugata a Bologna. È un ritrovamento significativo con un alto valore simbolico e morale per la cittadinanza e soprattutto per tutta l’Arma dei Carabinieri, in ricordo dei cinque colleghi caduti in servizio: Cataldo Stasi, Umberto Erriu, Mauro Mitilini, Andrea Moneta e Otello Stefanini.

La targa sarà sottoposta ai rilievi tecnici dei Carabinieri della Sezione Investigazioni Scientifiche del Comando Provinciale di Bologna, dopodiché sarà restituita alla Presidente dell’Associazione Familiari Vittime della “uno bianca”, Signora Rosanna Zecchi e ricollocata sul monumento del Parco di Viale Lenin a Bologna con una cerimonia in data da stabilire.

Video| Il raccconto del Colonnello Solazzo

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sente rumori sospetti in casa e spara, ucciso un uomo

  • Lega: "A Bologna party universitario blasfemo, intervenga il Rettore"

  • Scossa di terremoto nella notte, avvertita anche nell'Appennino bolognese

  • Incidente a Casalecchio: pedone investito all'incrocio

  • Terremoto Toscana: riaperto traffico treni AV e regionali, ci sono ritardi

  • E' Natale, a spasso per Bologna: le vetrine più originali

Torna su
BolognaToday è in caricamento