Monzuno, crolla tratto della strada provinciale

Davanti alla frazione Gardelletta. Traffico deviato così

Crollato stamattina un pezzo della strada provinciale 325 a Monzuno, davanti alla frazione Gardelletta. Il tratto era già stato chiuso al traffico ( dal chilometro 13 in poi) perchè, a causa di un forte smottamento, era rimasto gravemente danneggiato.

"E' rimasto solo l'asfalto - spiegava  qualche giorno fa a BolognaToday il sindaco Marco Mastacchi -  e se qualcuno dovesse passarci su di peso cadrebbe tutto. Il problema sicurezza per la collettività è stato risolto immediatamente chiudendo la strada, e tutto è stato già predisposto per la deviazione del traffico sia leggero che pesante". E il crollo della strada nel torrente è così avvenuto senza arrecare danni.

Il traffico leggero viene deviato a Gardelletta, mentre quello pesante in autostrada, dal casello di Sasso Marconi e di Rioveggio.

Intanto i Carabinieri di Marzabotto e Vado fanno sapere che stanno monitorando il tratto stradale coinvolto: "Nessuna persona è rimasta ferita perché il tratto stradale era stato chiuso al traffico dalle autorità competenti un paio di settimane fa, a causa di un improvviso smottamento del terreno". I Carabinieri della Stazione di Marzabotto e Vado stanno continuando a tenere d'occhio l’area per questioni di sicurezza perché ulteriori crolli rocciosi potrebbero ostruire il normale flusso del Torrente.

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Bologna usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Meteo, neve in arrivo sull'Appennino emiliano

  • Ripetitori e onde dei cellulari, lo studio del Ramazzini: "Tumori rari nelle cellule nervose"

  • Rivoluzione orari della 'movida', parte esperimento. Lepore: "Cercheremo di dettare una nuova tendenza"

  • Fuga di gas dalle cantine: 16 famiglie evacuate, traffico bloccato

  • Furto a San Lazzaro: "Sono entrati in pieno giorno e hanno fatto un disastro. Sono sconvolta"

  • Accoltellamento sul treno: due feriti, treni in ritardo

Torna su
BolognaToday è in caricamento