Morto in casa in via Zamboni, ipotesi overdose per mix di droghe

Per avere certezza però occorrerà attendere i risultati dell'autopsia

Sarà l'autopsia a certificare le cause della morte di Andrea Silvio Rocchetto, 28enne originario del cosentino dichiarato morto nel pomeriggio di domenica in un appartamento di via Zamboni, in piena zona universitaria. A togliere la vita al ragazzo sarebbe stato un arresto cardiocircolatorio. I sanitari, giunti sul posto chiamati dagli ospiti del ragazzo, hanno provato a far rianimare il giovane, senza successo.

Il pm Bruno Fedeli ha disposto l'esame autoptico, passaggio obbligato il cui esito sarà messo agli atti di un fascicolo fino a ora senza iscritti ma con l'ipotesi di morte in conseguenza di altro reato. Sul corpo non ci sarebbero segni di violenza visibili.

Nel frattempo i Carabinieri di Bologna Centro stanno ascoltando chi ha passato con il 28enne il fine settimana, tra amici e conoscenti. Una delle ipotesi che sta prendendo piede -ma per la conferma bisognerà attendere l'esito delle analisi- è che il giovane sia stato stroncato da un malore, in conseguenza dell'assunzione di un mix di droghe.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Meteo, neve in arrivo sull'Appennino emiliano

  • Ripetitori e onde dei cellulari, lo studio del Ramazzini: "Tumori rari nelle cellule nervose"

  • Rivoluzione orari della 'movida', parte esperimento. Lepore: "Cercheremo di dettare una nuova tendenza"

  • Fuga di gas dalle cantine: 16 famiglie evacuate, traffico bloccato

  • Furto a San Lazzaro: "Sono entrati in pieno giorno e hanno fatto un disastro. Sono sconvolta"

  • Accoltellamento sul treno: due feriti, treni in ritardo

Torna su
BolognaToday è in caricamento