Classe sul bus affollato, multata la maestra: parte ricorso

Il controllore non avrebbe sentito ragioni: la docente ha spiegato che erano appena saliti sul mezzo e non aveva fatto ancora in tempo ad obliterare il proprio biglietto per sorvegliare la classe

Maestra multata sul bus mentre accompagnava la classe durante un'uscita didattica. E' successo a bordo di un 13 "molto affollato", la docente viaggiava con una collega e 20 alunni di quarta elementare. Si sarebbe affrettata a timbrare i biglietti dei bambini che non avevano l'abbonamento, tentando contemporaneamente di tenerli d'occhio. Arrivata alla fermata successiva a quella della loro salita, però, non ha fatto in tempo a obliterare il suo titolo di viaggio, e il controllore le ha fatto la multa. Nonostante le spiegazioni dell'insegnante, che ha poi deciso di fare ricorso contro la sanzione, ritenendola ingiusta.

La vicenda è stata raccontata, con tutti i particolari nel ricorso, inviato per conoscenza anche alla presidente di Tper, Giuseppina Gualtieri. La classe è salita lo scorso venerdì alla fermata Santa Viola su un autobus "molto pieno", scrive la maestra Chiara, ricordando che "è responsabilità dei docenti aver prima di tutto cura dei propri alunni", controllando "che siano attaccati e al sicuro, onde evitare che si possano fare male". Racconta di aver timbrato "con grandi difficoltà, a causa dell'autobus molto pieno, appena saliti", e di aver cominciato coi biglietti degli alunni sprovvisti di abbonamento. Poi, "mentre stavo verificando che tutti fossero in situazione di sicurezza, il controllore ha insistentemente richiesto di mostrargli il mio titolo di viaggio obliterato, poichè mi trovavo davanti all'uscita". Ora, aggiunge la maestra, "non ero lì perchè non rispetto le regole civili", ma perchè, "ripeto, l'autobus non solo era pieno, ma era indispensabile che io avessi il controllo di tutti i bambini a me affidati".

Al controllore, la maestra avrebbe tentato di spiegare la situazione: "Gli ho mostrato il mio titolo di viaggio, che non era ancora timbrato solo perchè avevo appena terminato di timbrare quelli degli alunni a me affidati". Una priorità questa, decisa tra l'altro "per far capire agli alunni che timbrare i biglietti è rispetto delle regole". L'insegnante aggiunge di aver provato a spiegare al controllore "che il biglietto l'avevo e lo stavo per timbrare, gli ho più volte fatto presente il fatto che è primariamente mia responsabilità sorvegliare gli alunni e che eravamo appena saliti".

Sia gli altri passeggeri che la collega, responsabile degli alunni più indietro, "hanno testimoniato che eravamo saliti appena alla fermata precedente, che fosse necessario principalmente aver massimo riguardo degli alunni", che "in una situazione del genere fosse possibile non riuscire subito a timbrare tutti i biglietti". Nulla da fare, la sanzione è scattata comunque. Ora, dunque, la maestra, che sottolinea "di non aver mai preso una multa prima", si sente "offesa, nella mia dignità personale e professionale". Per questo, trovando l'episodio "molto grave", ha chiesto l'annullamento della sanzione. 

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Bologna usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Meteo, previsioni per il fine settimana: tornano pioggia e neve

  • Sardine, il 19 gennaio 6 ore di musica e riflessioni: ecco chi salirà sul palco di Piazza VIII agosto

  • Incidente a San Lazzaro: 20enne investito sulle strisce

  • Vuole offrire da bere agli 'amici': invece di ringraziarlo lo aggrediscono e lo rapinano

  • Incidente a Sasso: scontro camion-corriera, passeggeri bloccati vicino il bordo della rupe

  • Rapina la banca, poi confessa davanti al Giudice: “Mio figlio malato, la paga da operaio non basta”

Torna su
BolognaToday è in caricamento