Microaree Sinti al Navile, Barigazzi: 'Residenti informati, i comitati seguiranno i lavori'

I lavori sono iniziati il 20 settembre e dovrebbero terminare alla fine di gennaio. Due comitati per le due aree che seguiranno la realizzazione

Le microaree per rom e sinti al Navile avranno i loro residenti controllori. Lo ribadisce l'assessore a Welfare e sanità del Comune di Bologna Giuliano Barigazzi, in risposta alle domande giunte in Question Time sia dal consigliere Gian Marco De Biase (Insieme Bologna) che dal capogruppo Pd Claudio Mazzanti.

Addio al maxi-campo Sinti di via Erbosa: "3 microaree e ogni famiglia pagherà l'affitto"

"I lavori sono iniziati il 20 settembre apre Barigazzi- e dovrebbero terminare alla fine di gennaio. Il 9 maggio scorso personalmente ho incontrato assieme ad Asp i primi cittadini che faranno parte dei due comitati di entrambe le microaree e che seguiranno i lavori della realizzazione, abbiamo redatto un verbale in cui ci siamo detti che verranno realizzati due comitati di una decina di cittadini che affiancheranno gli operatori dell’Asp e si occuperanno non solo della implementazione del progetto in essere, ma di costruire un vero e proprio progetto di comunità. Verranno firmati dei patti di convivenza dalle persone che lì risiederanno, una quindicina in ognuna delle due aree con le utenze a loro carico. Questi cittadini, assieme a noi, non solo cercheranno di seguire la corretta implementazione di quel progetto ma hanno aderito all’idea di costruire un vero e proprio progetto di comunità che smussi le tensioni possibili e faccia sì che facciamo un passo avanti nel senso dell’integrazione".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Noi -conclude Barigazzi- abbiamo un progetto lavorativo su quelle aree, un progetto di dispersione scolastica e abbiamo anche un progetto abitativo, perché come ricordava prima il consigliere Mazzanti, 5 nuclei hanno già aderito all’idea di andare a vivere in casa, altri 5 in transizione abitativa e molte di queste persone stanno già scegliendo di non stare nelle aree e di andare in casa".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dai colli al centro città, i sette parchi più belli di Bologna

  • Covid, nuovo focolaio corriere Tnt: chiuso il magazzino, test per tutti i lavoratori della logistica

  • Coronavirus, aumentano i contagi in regione: + 71. Donini alle aziende: "Fate screening"

  • Incendio in via Sant'Isaia, morta una giovane donna

  • Coronavirus Emilia-Romagna: altri 47 casi, metà a Bologna e 11 sintomatici

  • Dimesso dall'ospedale, torna e aggredisce operatore con calci e pugni

Torna su
BolognaToday è in caricamento