Nuove telecamere 'Rita' sulle preferenziali: fase di test, poi via alle multe dal 27 luglio

Lunedì sono entrati in fase di pre-esercizio 3 nuovi varchi di telecontrollo a protezione di corsie  preferenziali in via dei Mille, via Indipendenza e via Mazzini: le telecamere, in fase di test finale, saranno presidiate a scopo informativo dalla Polizia municipale nella  settimana dal 20 al 24 luglio

Lunedì scorso sono entrati in fase di pre-esercizio tre nuovi varchi di telecontrollo “RITA”, a protezione di corsie  preferenziali in via dei Mille, via Indipendenza e via Mazzini: le telecamere, in fase di Test finale, saranno presidiate a scopo informativo dalla Polizia municipale nella  settimana dal 20 al 24 luglio e sanzioneranno in automatico i transiti non autorizzati a partire da lunedì 27 luglio. Lo rende noto il Comune, specificando che i nuovi  varchi,  pianificati e annunciati da tempo, sono stati installati nelle corsie riservate già presenti da decenni nelle seguenti strade: via Mazzini, nel tratto tra via Pelagi e viale Ercolani; via dei Mille, nel tratto da piazza dei Martiri a via Indipendenza; via Indipendenza, da viale Pietramellara a via dei Mille.

"L'obiettivo - spiega l'amministrazione - è  rendere  effettivo  il  rispetto  di  corsie  preferenziali esistenti  da anni, eliminando il traffico privato non autorizzato e quindi migliorando velocità e regolarità del trasporto pubblico, per far diventare autobus e filobus   sempre  più  competitivi  rispetto  all'auto  negli spostamenti in città e nell'area metropolitana". E' dunque "una misura che va a  vantaggio  delle decine di migliaia di persone che ogni giorno a Bologna si  muovono  con il mezzo pubblico e che come gli altri utenti della strada hanno bisogno di raggiungere rapidamente i luoghi di lavoro, studio e tempo libero". Nello  stesso tempo, è "anche un segno di equità verso tutti quegli automobilisti e motociclisti che già rispettano le regole della mobilità".

L'intervento  nasce  dunque  dalla  necessità  di  favorire  il servizio di trasporto pubblico, eliminando la componente di traffico privato abusivo, particolarmente d'intralcio nelle fasi di salita/discesa dei passeggeri, di marcia  fra  una  fermata  e  l'altra, e di attestamento ai semafori.
Nelle precedenti  esperienze, secondo quanto rileva il Comune, l'installazione delle telecamere ha portato  ad  una riduzione media, in un giorno feriale, di oltre il -50% di flussi di traffico sulle corsie telecontrollate (corrispondenti dunque alla quota  di  transiti  in precedenza irregolari), con evidenti vantaggi sulla fluidità e puntualità del passaggio dei mezzi pubblici. In quest'ottica, le nuove  telecamere  sono  state  posizionate  lungo  direttrici fondamentali percorse dai mezzi del servizio pubblico sia urbano primario (linee 11, 19, 20,  27,  BLQ)  e  secondario  (navette  A,  C  e D, linee 28, 36, 37), che suburbano  ed  extraurbano  (oltre  dieci linee che collegano Bologna con i Comuni della provincia).

Le telecamere RITA operano tutti i giorni dell'anno, 24 ore su 24, e rilevano le targhe di tutti i veicoli motorizzati in transito,compresi  quelli  a  due  ruote  (ciclomotori  e motocicli), sanzionando in automatico  gli  accessi  non  autorizzati. Rispetto a quelli installati in passato,  i  nuovi varchi si distinguono per il minor impatto sul paesaggio urbano  (grazie  alle dimensioni più ridotte sia delle telecamere che degli impianti  tecnici  ad  esse  collegati),  nonché  per  un maggior contenuto tecnologico  (in  quanto  in  grado di rilevare i veicoli in modalità “free run”, ossia senza l’ausilio di spire nell'asfalto).

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sente rumori sospetti in casa e spara, ucciso un uomo

  • Scomparso nella notte, ritrovato morto in un campo

  • Lega: "A Bologna party universitario blasfemo, intervenga il Rettore"

  • Whoopi Goldberg a Bologna: da Hollywood alle osterie del centro

  • Morti in incidenti stradali: Bologna la più colpita, diventa obbligatorio l'alcol-lock

  • Incidente a Casalecchio: pedone investito all'incrocio

Torna su
BolognaToday è in caricamento