Patrizia Impresa è il nuovo Prefetto di Bologna: lascia anche il questore Coccia

Subentra a Piantedosi nominato capo-gabinetto di Salvini. Il questore Coccia è stato nominato a sua volta prefetto di Como

Patrizia Impresa duiderà la Prefettura di Bologna dopo l'addio di Matteo Piantedosi, nominato capo di gabinetto del ministro dell'Interno, Matteo Salvini.

Avellinese, classe 1955, laureata in Giurisprudenza "è entrata nell'amministrazione civile dell'Interno nel 1981", come si legge nel sito del Viminale e ha lavorato nelle Prefetture di Firenze e di Milano, e dal 2000 al 2002. E' stata anche componente della commissione del ministero dell'Interno per la progressione in carriera dei funzionari prefettizi.

Nel 2004 è stata nominata viceprefetto vicario a Varese, e dal 2008 "è stata incaricata di presiedere la commissione territoriale di Milano per il riconoscimento della protezione internazionale". Prima di ricevere l'incarico al Viminale, infine, Impresa è stata prefetto di Cuneo dal 2010 al 2013, e di Padova dal 30 dicembre 2013 fino al 2017.

Lascia Bologna anche il questore Ignazio Coccia, che nella riunione odierna del Consiglio dei ministri è stato nominato prefetto e destinato alla guida della Prefettura di Como. "Desidero dare il benvenuto al prefetto Patrizia Impresa e allo stesso tempo salutare il questore Ignazio Coccia che assume un nuovo importante incarico. Con il Prefetto appena nominato, appena arriverà a Bologna - scrive il sindaco Virginio Merola - ci incontreremo per conoscerci e impostare il complesso delle attività da portare avanti insieme. Ringrazio il questore uscente per il lavoro che abbiamo fatto in questi anni nell'interesse di una città sempre più viva e attrattiva". (dire)

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il figlio di Vasco Rossi Lorenzo si è sposato: tutta la felicità in una foto

  • Castenaso: morto Dino, il re della pasticceria

  • Cerca di fuggire dalla gazzella dei carabinieri con l'apecar: è ubriaco

  • Dramma a Pianoro: 50enne trovato morto in albergo

  • Tre appartamenti all'asta in via Amendola: il bando Invimit scade il 20

  • Ludopatia e chiusura centri scommesse: "Costretto a licenziare, ora disoccupato anche io"

Torna su
BolognaToday è in caricamento