Cobas, blitz all'anagrafe: 'Diritto alla residenza e riconoscimento delle occupazioni'

Sono arrivati gli assessori al welfare Frascaroli e ai servizi demografici Monti che stanno ora incontrando una delegazione di attivisti di ADL Cobas

Foto Cobas

Intorno alle 9 di questa mattina gli attivisti di ADL Cobas - Associazione Diritti Lavoratori hanno occupato l'ufficio anagrafe del Comune di Bologna per chiedere la residenza per tutti e riconoscimento delle occupazioni abitative. L'azione si inquadra nella contestazione del'articolo 5 del Piano Casa del Governo Renzi che nega la residenza a chi "occupa abusivamente un immobile senza titolo", così come l’allacciamento  ai  pubblici  servizi, acqua, luce, gas.

'L'occupazione dell'anagrafe da' un primo risultato" scrivono gli attivisti su Facebook "arrivati gli assessori ai servizi sociali Frascaroli e ai servizi demografici Monti, stanno ora incontrando una delegazione di attivisti di ADL Cobas e Asia-USB e di occupanti: vogliamo l'apertura di un tavolo per il riconoscimento del diritto alla residenza‬ x tutti e per la stabilizzazione di tutte le occupazioni‬ abitative presenti in città".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Meteo, previsioni per il fine settimana: tornano pioggia e neve

  • Sardine, il 19 gennaio 6 ore di musica e riflessioni: ecco chi salirà sul palco di Piazza VIII agosto

  • Incidente a San Lazzaro: 20enne investito sulle strisce

  • Vuole offrire da bere agli 'amici': invece di ringraziarlo lo aggrediscono e lo rapinano

  • Incidente a Sasso: scontro camion-corriera, passeggeri bloccati vicino il bordo della rupe

  • Furto nella notte: ricco bottino dei ladri nell'azienda in fallimento

Torna su
BolognaToday è in caricamento