Lavoro in cambio di sesso, lei rifiuta l'offerta e inizia l’incubo: 61enne arrestato

Appostamenti sotto casa, telefonate insistenti, poi le minacce, via via sempre più pesanti, fino a frasi come: 'Ho una pistola, ti faccio fuori'. Così per la malcapitata sarebbe iniziato un lungo calvario

Il miraggio di un posto di lavoro si è trasformato in un incubo per una 43enne residente a Bologna, che si è vista prima avanzare richieste sessuali in cambio dell’impiego sperato, poi – dopo il suo rifiuto – si è ritrovata perseguitata e minacciata persino di morte. A molestare la malcapitata era un 61enne ferrarese, che alla fine è stato arrestato dalla Polizia con l’accusa  di “tentata estorsione a sfondo sessuale” e molestie.

L’odissea per la 43enne ha avuto inizio il mese scorso, dopo aver conosciuto il 61enne via internet. Chattando, la donna ha raccontato di aver avuto esperienze lavorative in ambito sanitario e di essere alla ricerca di un nuovo impiego. L’uomo, a quel punto, si è detto amico di un medico, che - guarda caso – era alla ricerca di un’impiegata per il suo studio. Così i due si sono dati appuntamento, la donna ha consegnato il suo curriculum e il 61enne le ha quindi risposto che le avrebbe fatto sapere.
Invece, poco dopo, l’uomo ha ricontattato la malcapitata e, senza mezzi termini, le ha fatto capire che il lavoro sarebbe stato suo, in cambio di favori sessuali. Di fronte al diniego della signora, il 61enne avrebbe iniziato a tempestarla di telefonate, arrivando poi alle prime minacce. ‘Guarda ho la tua foto del curriculum – le avrebbe intimato il malintenzionato - "Faccio un fotomontaggio dove appari nuda e lo metto in rete’.
E’ allora che la vittima sporge la prima denuncia, raccontando l’accaduto alla polizia. Le telefonate (a quel punto attraverso un numero anonimo) e le minacce proseguono, fino a degenerare ulteriormente. ‘Ti farò del male’, ‘Ho una pistola e ti faccio fuori’, questo sarebbe stato il tenore delle chiamate, una delle quali ascoltata anche dagli agenti, perchè giunta proprio mentre la donna si trovava in Questura per avanzare una nuova denuncia.

L’incubo ha trovato fine quando l’uomo, pochi giorni fa, si è presentato a casa della vittima, ha iniziato a chiamarla e si è attaccato al campanello con tutta l’intenzione di entrare. Spaventata la donna ha allertato gli agenti, che quindi ha bloccato ed arrestato il 61enne, che ora si trova rinchiuso alla Dozza, in attesa della convalida del fermo da parte del Gip.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid -19: dove e come fare il test sierologico a Bologna

  • Pianoro, tragico incidente lungo la Futa: morto un giovane motociclista

  • Coronavirus, bollettino 29 maggio Bologna e provincia: la situazione comune per comune

  • Riaprono i confini, controlli serrati in autostrada: maxi-sequestro di Vespe rubate in A1

  • Tragedia a Loiano: travolto da un tronco, muore a 43 anni

  • Coronavirus, bollettino Emilia-Romagna: +38 casi, 24 trovati tramite screening

Torna su
BolognaToday è in caricamento