Omicidio Chiarini, un rapporto sessuale prima della morte: fermato un 25enne

L'accusa è di omicidio aggravato da futili motivi e brutalità. Resta misterioso il movente di un assassinio "efferato e d'impeto". L'imprenditore e il presunto assassino si sentivano da un paio di mesi

"Un delitto efferato e di impeto". Così il comandante provinciale dei Carabinieri Valerio Giardina ha descritto l'assassinio dell'imprenditore imolese Lanfranco Chiarini, ucciso la sera del 3 gennaio scorso nella sua casa di Castel San Pietro Terme, prima di descrivere il percorso di indagine che ha condotto al fermo del presunto killer, un ragazzo nigeriamo classe '92. 

"I due avevano avuto un rapporto intimo e per motivi ancora da chiarire è cominciata una collutazione con esito mortale"Tabulati telefonici, conoscenza approfondita del territorio, acquisizione e studio delle riprese di videosorveglianza della zona hanno consentito di arrivare al 25enne nigeriano N.D., richiedente asilo e ospite (da un anno a questa parte) presso il Centro di accoglienza di Castenaso “Lai Momo”. L'uomo è stato fermato ieri sera nei presso della stazione di Bologna, in arrivo da Rimini, dove si era recato pochi giorni dopo il delitto. 

Il tenente Colonnello Marco Francesco Centola ha sottolineato che "la rapida risoluzione del caso (le indagini sono ancora in corso) è stata resa possibile da approfondimenti tecnici aldilà delle attività canoniche. Analisi delle celle e dei tabulati telefonici, investigazioni scientifiche fatte alla villa e sul luogo del delitto insieme ai Ris di Parma e filmati di sorveglianza con il pedinamento elettronico del soggetto sospettato, concentrato nei momenti immediatamente precedenti e successivi all'omicidio". 

Il meticoloso studio delle abitudini e delle persone legate alla vittima, insieme all'audizione di numerosi conoscenti del Chiarini e all'analisi di agende e rubriche, hanno consentito in breve tempo di restringerne il numero a due e infine di concentrare l’attenzione sul 25enne. L’accertamento dell’identità di questo ultimo soggetto e il suo rintraccio sono risultate alquanto laboriose. Infatti il giovane era stato inizialmente individuato solo come l’anonimo utilizzatore il giorno dell’omicidio di un’utenza telefonica, che era formalmente intestata a un cittadino liberiano irrintracciabile. Solo accurati accertamenti sulle persone in contatto con quell’utenza hanno consentito di identificarlo. Questi tuttavia dal giorno successivo all’omicidio si era di fatto reso irreperibile.

LE ORE SUCCESSIVE AL DELITTO. L'auto di Chiarini rientra intorno alle 19, osservata dall'occhio delle videocamere, il cui sguardo però non riesce a entrare nell'abitacolo: era solo? Il suo assassino era con lui? Dopo le 20 l'auto ripercorre il vialetto, viene condotta fino a una traversa della via Emilia e poi abbandonata. Un uomo sale su un bus in direzione Ozzano, presumibilmente per arrivare al centro di accoglienza di Castenaso. Gli esami antropometrici confermano che quell'uomo era proprio N.D., che quella notte rientra come sempre, ma che la mattina dopo non si presenta a una visita medica e, nei giorni successivi, neppure ad alcuni colloqui di lavoro.

DETTAGLI CHE AIUTANO  LE INDAGINI: LE FERITE SULLE MANI. Interrogati dall'Arma, alcuni operatori del centro di accoglienza ricordano e riportano un dettaglio molto utile: la mattina del 4 gennaio il loro ospite aveva dei cerotti sulle mani e delle ferite automedicate. 

Ed è proprio nella mattinata del 4 gennaio che veniva rinvenuto il cadavere dell'imprenditore titolare del colorificio “Colba” di Castenaso nella sua casa in via Val Quaderna. La mattina di quel giorno la figlia si era preoccupata per il mancato arrivo del padre presso l’azienda di famiglia e aveva chiesto al marito di andare a verificarne la presenza presso l’abitazione. Qui il genero aveva ritrovato il cadavere dell’uomo riverso sul pavimento.

FOCOLAI IN CASA, FERITE E OGGETTI BRUCIATI. La casa presentava alcuni focolai di incendio che avevano bruciato un divano ed altro mobilio, ma senza riuscire a far divampare fiamme tali da interessare tutta l’abitazione. Alcune stanze risultavano invase dal fumo, pavimenti e pareti erano annerite dalla fuliggine. Sin dal primo sopralluogo si evidenziava la presenza di numerose ferite d’arma da taglio sul corpo che attestavano l’efferatezza con cui un assassino si doveva essere accanito sulla vittima. Fondamentale per il successivo sviluppo delle indagini si è rilevato il tempestivo intervento sulla scena del delitto dei militari della Sezione Investigazioni Scientifiche del Comando Provinciale Carabinieri che provvedevano a repertare tracce ematiche e dattiloscopiche dagli ambienti, nonché a rinvenire alcuni elementi illuminanti sul comportamento del responsabile dell’omicidio. Ad esempio esaminando i resti del divano carbonizzato riuscendo ad evidenziare quanto restava di una borsa e del telefono della vittima.

IL CADAVERE: FERITE SPARSE E UN'EMORRAGGIA CHE GLI HA FERMATO IL RESPIRO. I sopralluoghi lungo le possibili vie di fuga dell’assassino hanno permesso dopo breve tempo di ritrovare nei pressi di via Emilia l’autovettura del Chiarini che era stata asportata dal garage dell’abitazione. Il successivo esame autoptico sul cadavere ha poi confermato la ferocia dell’azione omicida documentando le numerose ferite inferte in particolare alla testa e al collo del Chiarini. Erano state prodotte lesioni sia alle vie respiratorie, sia alle strutture vascolari, determinando una massiva emorragia risultata letale. Gli accertamenti medico legali stabilivano che il decesso era avvenuto circa alle ore 20:00 della serata precedente. L’attività investigativa si sviluppava secondo gli schemi tradizionali da una parte attraverso l’acquisizione dei filmati dei sistemi di videosorveglianza che avrebbero potuto documentare l’arrivo e la fuga dell’assassino, dall’altra parte attraverso lo studio del circuito di contatti e frequentazioni della vittima.

Nel contempo il complesso delle attività è stato supportato dalla specialistica collaborazione del R.I.S. di Parma, che ha proceduto ad approfondimenti sulla scena del delitto alla ricerca di ulteriori elementi indispensabili alla ricostruzione della dinamica dell’omicidio e all’identificazione del responsabile. Ad esito di questa ulteriore attività sono state individuate e raccolte tracce di sangue all’interno dell’autovettura e impronte digitali nell’abitazione. I Carabinieri specializzati dei laboratori del R.I.S. sono tuttora all’opera per completare gli accertamenti tecnico scientifici.

UNA BREVE FUGA A RIMINI DOVE HA CAMBIATO LA SIM CARD. L’attivazione delle sue ricerche su tutto il territorio regionale, corroborate anche da attività tecniche, hanno infine consentito di rintracciarlo nel pomeriggio di ieri nei pressi della Stazione ferroviaria ove era di passaggio dopo essere rientrato da Rimini. Lì infatti si era rifugiato subito dopo l’omicidio con la scusa di essere alla ricerca di un lavoro.

GLI ELEMENTI CHE LO INCASTRANO. A suo carico erano stati raccolti concordanti indizi di responsabilità: la quantità di contatti telefonici con il Chiarini anche il giorno stesso dell’omicidio, la sua presenza in prossimità di Castel San Pietro Terme subito prima e dopo la commissione del delitto, l’irraggiungibilità della sua utenza telefonica proprio tra le ore 19 e 20 di quel giorno in considerazione che l’abitazione del Chiarini non è servita dalla rete radiotelefonica, la valutazione antropometrica sull’uomo visto allontanarsi dall’autovettura del Chiarini dopo averla abbandonata nei pressi della via Emilia, la presenza il giorno 4 gennaio di tagli sul palmo di alcune dita della sua mano destra per come testimoniato da alcuni suoi conoscenti e per come verificato anche dai militari operanti dopo il suo rintraccio. 

E IL MOVENTE? Il 25enne, dopo essere stato individuato e accompagnato in una caserma dei Carabinieri è stato sottoposto a interrogatorio dal P.M. procedente, ma non ha fornito alcuna spiegazione a giustificazione del quadro indiziario a suo carico, né ha fornito un alibi che lo possa scagionare dalle responsabilità attribuitegli. In relazione a quanto descritto, la Procura della Repubblica di Bologna, nella persona del P.M. dott.ssa Scandellari, nel concordare con gli attuali esiti delle indagini condotte dal Nucleo Investigativo del Comando Provinciale Carabinieri di Bologna, ha disposto che il venga sottoposto a fermo di indiziato di delitto e custodito presso la casa circondariale di Bologna, ove attualmente è recluso. Sono ancora in corso ulteriori accertamenti per completare la ricostruzione della dinamica dell’omicidio e per delineare compiutamente le motivazioni che hanno spinto il a commetterlo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bollettino covid oggi: a Bologna (quasi) la metà dei nuovi contagi e decessi registrati in Regione

  • Covid-19, al via le convocazioni per i test a campione: "1.000 solo a Bologna città, si viene contattati per telefono"

  • Coronavirus Emilia-Romagna, bollettino 23 maggio: +43 positivi, 193 guariti e calo dei casi attivi

  • Frecce Tricolori a Bologna: il passaggio sulla città il 29 maggio

  • Nuova ordinanza Bonaccini: da lunedì aprono centri sociali, circoli, parchi tematici e riprendono gli stage

  • Bonus bici elettriche e monopattini: chi può chiedere i 500 euro

Torna su
BolognaToday è in caricamento