Ordinanze 'anti-balordi' (Daspo) a Bologna e Firenze, Salvini: 'Presto in tutta Italia'

I Prefetti applicano l'ordinanza per chi è stato denunciato per spaccio, rissa, danneggiamento e commercio abusivo

"Nessuna tolleranza per degrado e illegalità". Lo scrive il Ministro dell'Interno Matteo Salvini che ha varato una sorta di ordinanza "anti-balordi", in pratica il Daspo, già applicato in città

Coinvolte per ora Bologna e Firenze. La prefettura del capoluogo toscano ha già allontanato chi è stato denunciato in città per spaccio, percosse, rissa, lesioni personali, danneggiamento di beni e commercio abusivo su aree pubbliche. Lo ha deciso il prefetto, con una ordinanza ad hoc appena entrata in vigore e che prevede l'allontanamento di questi soggetti da alcune aree della città. La stessa decisione è stata adottata dal prefetto di Bologna". E' quanto si spiega in una nota del ministero dell'Interno: "Darò direttive affinché simili provvedimenti scattino in tutta Italia" ha detto Salvini. (dire)

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

VIDEO| La parola al Questore di Bologna e al Sottosegretario all'Interno Candiani

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus Emilia-Romagna, bollettino 23 maggio: +43 positivi, 193 guariti e calo dei casi attivi

  • Al fiume con gli amici, scompare tra i flutti: ragazzo trovato morto nel fiume Idice

  • Offerte lavoro Bologna fisso mensile

  • Nuova ordinanza Bonaccini: da lunedì aprono centri sociali, circoli, parchi tematici e riprendono gli stage

  • Spostamenti tra regioni in dubbio, Bonaccini: "Prudenza alta, si rischia la chiusura" 

  • Bollettino Covid Bologna 18 maggio: vicini a zero casi, ma ancora 4 morti | GRAFICI E DATI, COMUNE PER COMUNE

Torna su
BolognaToday è in caricamento